135119771 36975373 0431 4575 b585 60318c32c41a

Casaleggio e l’ultimatum di Rousseau al M5S: “Saldate i debiti entro il 22 aprile, altrimenti pronti a un percorso diverso”

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

135119771 36975373 0431 4575 b585 60318c32c41a

Un post che sa di ultimatum. Poche righe bastano all’associazione di Davide Casaleggio per lanciare un avvertimento chiaro e deciso: o pagate o le nostre strade si dividono. Si avvia verso l’epilogo la saga dei dissidi tra il figlio del fondatore del Movimento, che nei mesi scorsi ha lanciato il suo manifesto Contro Vento, e il Garante Beppe Grillo. Dopo le espulsioni e le defezioni dei dissidenti 5S, ora il partito guidato dall’ex premier Giuseppe Conte rischia di perdere una parte che è stata fondamentale alle origini del Movimento. In un post coinciso ma chiaro l’associazione Rousseau dà il suo ultimatum ai parlamentari 5 Stelle che non hanno versato il contributo dovuto.

“Siamo costretti, a causa dell’enorme ammontare di debiti, a definire una data ultima: il 22 aprile 2021 – si legge nel post – Qualora i rapporti pendenti non verranno definiti entro questa data, saremo costretti a immaginare per Rousseau un percorso diverso, lontano da chi non rispetta gli accordi e vicino, invece, a chi vuole creare un impatto positivo sul mondo”.

Da mesi Casaleggio denuncia il mancato versamento dei soldi che ogni parlamentare grillini deve a Rousseau per i servizi che l’associazione offre a deputati e senatori e per la piattaforma. Mancati emolumenti per una cifra pari a oltre 400mila euro. “È arrivato il tempo di eliminare ambiguità e mancate scelte – scrive Rousseau – Per noi il 22 aprile sarà, comunque vada, un nuovo inizio, trasparente, e leale, insieme a chi dimostrerà di essere tale”.

I percorsi, dunque, si potrebbero dividere presto. “Da gennaio 2020 il Movimento, attraverso alcuni dei suoi portavoce, ha iniziato a non onorare gli accordi in relazione alle attività erogate dall’associazione – si legge – omettendo di mettere in atto qualsivoglia presidio funzionale a garantire il rispetto delle regole e degli impegni presi, sebbene ciò abbia sempre rappresentato, nel pensiero dei fondatori del Movimento, il tratto distintivo del percorso politico che si intendeva intraprendere. Oggi – conclude Rousseau – la situazione è giunta al punto di non ritorno ed è necessario fare chiarezza”.

Se però i parlamentari pentastellati non verseranno i soldi dovuti, il divorzio si consumerà. “Oggi – dice l’associazione di Casaleggio – personalità importanti stanno decidendo se iscriversi o meno al Movimento per dare il proprio contributo. Ci auguriamo che chiunque in futuro verrà scelto per guidare il Movimento saprà rappresentare a pieno il rispetto delle regole e degli impegni presi, assumendo i principi, che abbiamo riassunto nel Manifesto Controvento, e i valori che Gianroberto riteneva elementi inscindibili, identitari e di credibilità del Movimento da lui fondato”.

Un avvertimento, insomma, a Giuseppe Conte, nuovo leader del partito. Perché, dicono dall’associazione, “i principi e valori di Casaleggio oggi trovano la loro massima espressione nell’architettura della partecipazione di Rousseau da lui fortemente voluta e alla quale abbiamo dedicato, e continueremo a farlo, il nostro massimo impegno”.



Go to Source