Cashback e cannabis legale ecco lultimo connubio scoperto

Cashback e cannabis legale: ecco l’ultimo connubio scoperto

Libero Quotidiano News
Pubblicità
Pubblicità

Condividi:

28 dicembre 2020

(28 dicembre 2020) – È in questi ultimi giorni che non si fa altro che parlare dell’argomento “Cashback”. La pandemia di Coronavirus – nonostante abbia portato con sé una ventata disastrosa sotto il punto di vista economico – ha cercato di trovare comunque alternative per alleviare la crisi del Paese. Il cashback, per chi non lo sapesse, è una pratica consolidata e in fase di sperimentazione; nello specifico, si tratta di un fenomeno che si sta sviluppando soprattutto in Italia e ha il solo scopo di premiare gli acquirenti nel momento di un acquisto. La parola cashback – tradotta – significa “soldi indietro”, difatti tramite questa operazione è possibile ottenere una parte del denaro speso nello shopping.
Così, tra polemiche e approvazioni, questo nuovo programma continua a raccogliere diverse iniziative. Dopo questo breve chiarimento, dunque, è giunto il momento di parlarvi della “scoperta stupefacente” che sposa il piano 2020 (cashback) e la sostanza (cannabis) con un importante fatturato registrato nel periodo epidemiologico. In questo periodo – stando a quanto annunciato – l’operazione di pagamento citata viene considerata fino ad un massimo di 150 euro che sarà, successivamente, accreditato a febbraio 2021 sull’Iban indicato. Ma, come per tutte le nuove adesioni, c’è sempre spazio per il disaccordo. Matteo Renzi e Giorgia Meloni, infatti, nonostante la diversa posizione politica, hanno evidenziato che il cashback si rivela una iniziativa poco producente perché – incentivando lo shopping fisico nei centri delle città – si va a creare un fenomeno incoerente nei confronti delle misure imposte dal governo.
Ma facciamo altra chiarezza: cosa c’entra la cannabis con il cashback?
Come annunciato nel paragrafo precedente, il sistema introdotto dai piloti di Justmary prevede la possibilità al cashback di stato che è divenuto subito un incentivo per provare i prodotti legali acquistabili sulla piattaforma. Negli ultimi giorni – grazie al servizio di delivery – sono stati registrati tantissimi ordini di marijuana legale nelle diverse città italiane. Sarà, forse, il forte bisogno di rilassarsi dai continui DPCM?
Probabile, intanto parecchi utenti hanno provveduto all’acquisto di erba legale per i prossimi giorni di festività. È intuibile il fatto che il cashback di stato sia diventato un ulteriore spunto per il settore della cannabis legale di
Questa iniziativa sarà proficua per i prossimi mesi? Ecco una ipotesi accertata.
C’è da mettere in luce che di recente – fino ad arrivare all’anno 2020 – vari e-commerce specializzati nella vendita di cannabis legale non solo hanno aumentato il proprio sviluppo, ma è stato dichiarato che il mercato globale di queste sostanze sarà protagonista di un aumento clamoroso entro il 2026. L’exploit di questo ramo, fortemente legato all’emergenza sanitaria Covid-19, ha portato vantaggi sotto svariate ottiche. Ciò significa che – attualmente – l’avvento del cashback sarà un aiuto non indifferente per l’accrescimento di questo settore. Una buona parte della popolazione – come già ribadito – ha trovato il bisogno di ‘rifugiarsi’ in questa sostanza. Complice di questa evenienza è indubbiamente lo stress del lockdown.
Una cosa è certa: per gli italiani sarà un Natale, sì, diverso, ma anche sbalorditivo!
Per maggiori informazioni:
Sito web: www.justmary.fun
Numero di Telefono: +39 3668127608
e-mail: [email protected]
Facebook:



Go to Source