Caso Becciu Cecilia Marogna torna in liberta per lei solo obbligo di firma

Caso Becciu, Cecilia Marogna torna in libertà: per lei solo obbligo di firma

La Republica News
Pubblicità

Torna libera e con obbligo di firma Cecilia Marogna, la manager arrestata il 13 ottobre nell’indagine vaticana sull’ex cardinale Angelo Becciu. Lo ha deciso la Corte d’Appello di Milano, come riferito dai legali dello studio Dinoia, che la assistono.
Caso Becciu, no alla scarcerazione di Cecilia Marogna. La procura generale: “Potrebbe fuggire”. La difesa: “Italia non può estradarla”
28 Ottobre 2020

Due giorni fa si era svolta l’udienza a porte chiuse sull’istanza di scarcerazione presentata dai legali di Marogna. La procura generale aveva dato parere negativo per la permanenza del pericolo di fuga e per la mancanza di un indirizzo preciso tra Milano e la Sardegna, fattore che ostacolava l’eventuale concessione dei domiciliari, facendo presente alla Corte d’Appello che il Vaticano ha integrato e precisato le imputazioni a carico della donna, chiarendo che è accusata non solo di appropriazione indebita aggravata ma anche di peculato.

Arrestata Lady Vaticano: “Ha intascato 500 mila euro destinati a liberare ostaggi”
di MASSIMILIANO COCCIA E FLORIANA BULFON 13 Ottobre 2020

La difesa di Marogna aveva invece contestato “alla radice” l’arresto e la conseguente misura cautelare – citando l’articolo 22 dei patti Lateranensi – perché la 39enne “non poteva essere arrestata dato che l’accordo tra Italia e Vaticano consente l’estradizione dal Vaticano all’Italia, ma non quella dall’Italia al Vaticano”, la posizione dell’avvocato Fabio Federico dello studio legale Dinoia. Per la difesa, poi, non sussisteva nemmeno “il pericolo di fuga”, poiché il suo arresto è avvenuto “sotto casa mentre stava andando al supermercato”.
Caso Becciu, lady Vaticano tra Lugano e Dubai, gli strani viaggi raccontati sui social
Papa Francesco 17 Ottobre 2020

La Corte doveva decidere entro cinque giorni soltanto sulla sussistenza delle esigenze cautelari in attesa dell’eventuale estradizione (il procedimento passerà per un’altra udienza) o se per Marogna erano sufficienti misure meno afflittive. I giudici hanno quindi deciso per la scarcerazione con obbligo di firma.
Inchiesta Becciu, agli atti le chat del cardinale che diceva a Perlasca di pagare Marogna
21 Ottobre 2020

Argomenti



Go to Source