Caso Eitan, parla il nonno Peleg: “Temo l’arresto e non lo porterei più via, ma mio nipote mi ringrazierà”

Pubblicità
Pubblicità

PETACH TIKVA (TEL AVIV) –  Fissa lo schermo con la chiamata persa dal cellullare di Amit, alle 10:10 del 23 maggio. Poco dopo, si sarebbe spezzata quella maledetta fune e con essa le vite di 14 persone. “Avevamo parlato la sera, quella mattina ci siamo rincorsi e poi è stato troppo tardi”. Shmuel Peleg parla dall’abitazione nei pressi di Tel Aviv, dove l’11 settembre, con un jet privato via Lugano, il piccolo Eitan è stato “riportato a casa”, nella versione del nonno, “sequestrato” secondo le carte degli inquirenti che descrivono un “certosino piano di esfiltrazione” dei cui elementi Peleg non fornisce ulteriori dettagli “perché soggetti a indagine penale”.

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

1€ al mese per 3 mesi, poi 5,99€ per 3 mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

3,50€ a settimana prezzo bloccato

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source