Caso Ilaria Salis, Ungheria: “Inutili le richieste di stampa e governo”. Il padre dell’insegnante: “Il verdetto è già stato emesso”

Pubblicità
Pubblicità

“Dobbiamo chiarire che nessuno, nessun gruppo di estrema sinistra, dovrebbe vedere l’Ungheria come una sorta di ring di pugilato dove venire e pianificare di picchiare qualcuno a morte”, scrive su X il portavoce del governo ungherese, Zoltan Kovacs. “E no, nessuna richiesta diretta da parte del governo italiano (o di qualsiasi altro importante organo di informazione) al governo ungherese renderà più semplice difendere la causa di Salis, perché il governo, come in qualsiasi altra democrazia moderna, non ha alcun controllo sui tribunali”.

Caso Salis, l’intervento di Mattarella: “Vicino a Ilaria, speravo in giorni diversi”

“Roberto Salis ha fatto il giro dei media europei”

“Da metà febbraio”, scrive ancora Kovacs, “il padre di Ilaria Salis, Roberto Salis, ha fatto il giro dei media europei dicendo di essere ‘preoccupato’ per la sicurezza della figlia finché sarà in Ungheria. Per questo motivo hanno chiesto gli arresti domiciliari in Italia, richiesta riguardo alla quale il ministro degli Esteri Szijjßrtó ha risposto che ‘a decidere sarà il tribunale, che è un organismo indipendente’. Giovedì scorso il tribunale di Budapest ha respinto la richiesta di arresti domiciliari avanzata da Salis, affermando che esisteva il rischio che fuggisse o si nascondesse. Per lei la procura chiede ora una condanna a 11 anni. Perché? Perché c’è il ragionevole sospetto che Ilaria Salis si sia recata in Ungheria con i suoi due sodali antifascisti con l’obiettivo di picchiare persone innocenti per le strade di Budapest. Nel frattempo, i media italiani hanno fatto del loro meglio per dipingere Salis come una martire”.

Perché la destra non ama Ilaria Salis?

“Atto premeditato”

“È sorprendente che dall’Italia stiano cercando di interferire in un caso giudiziario ungherese”, aveva detto Szijjßrtó circa un mese fa, come ricorda ancora il portavoce del governo ungherese. “Sottolineando la natura premeditata dell’atto, il ministro degli Esteri ha affermato che non si è trattato di un crimine commesso per capriccio ma di un atto ben ponderato e pianificato. Hanno quasi ucciso delle persone in Ungheria, e ora lei è dipinta come una martire”, aggiunge Kovacs postando ancora una volta il video della presunta aggressione.

La risposta di Roberto Salis: “Mia figlia è migliore di me, pronta a finire in catene per difendere i suoi ideali”

“Perché vanno avanti con le udienze? Le parole di Kovacs incredibili”

“Il processo è già stato fatto, il verdetto è già stato emesso, non si capisce perché proseguano con le udienze”, dice Roberto Salis commentando le parole del portavoce del governo ungherese Zoltan Kovacs.

“Quando c’è un politico che se la prende con un privato cittadino di un altro Stato è chiaro che c’è qualcosa di incredibile”, ha aggiunto parlando di “spiccata tendenza alla tirannide” da parte dell’Ungheria.

Intervista a Roberto Salis, padre di Ilaria: “Chiederò aiuto al presidente Mattarella, dai ministri solo bugie”

Per Roberto Salis, il tweet del portavoce del governo ungherese dimostra che l’intera vicenda di sua figlia “è già tutta politicizzata” e il padre della docente milanese ha ricordato un precedente intervento di Kovacs dopo la prima udienza del processo in cui aveva attaccato Gyorgy Magyar, il legale ungherese di Ilaria Salis, definendolo “un avvocato apertamente di sinistra”.

La spiccata tendenza alla tirannide

“Già a fine gennaio Kovacs ha cercato di screditare l’avvocato di mia figlia”, ha sottolineato Roberto Salis, “quindi un portavoce di un primo ministro che scredita l’avvocato difensore di un imputato. Stiamo parlando di un regime in cui i diritti civili e la separazione dei poteri e lo stato di diritto vengono completamente superati da una spiccata tendenza alla tirannide”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *