Caso Metropol, la procura chiede l’archiviazione per Savoini e gli altri indagati nell’inchiesta sui fondi russi alla Lega

Pubblicità
Pubblicità

La procura di Milano ha chiesto di archiviare l’indagine per corruzione internazionale nella vicenda sui presunti fondi russi alla Lega. L’istanza, firmata dai pm Giovanni Polizzi e Cecilia Vassena e vistata dall’aggiunto Fabio De Pasquale del dipartimento Affari internazionali, riguarda la presunta negoziazione, poi non finalizzata, durante un incontro all’hotel Metropol di Mosca il 18 ottobre 2018, in cui l’ex portavoce di Matteo Salvini e presidente dell’associazione LombardiaRussia Gianluca Savoini, l’avvocato Gianluca Meranda e l’ex banchiere Francesco Vannucci, avrebbero parlato con altrettanti intermediari russi di un possibile accordo sull’acquisto di gasolio russo per un valore complessivo di un miliardo e mezzo di dollari.

Stando alla tesi degli inquirenti, l’obiettivo finale della trattativa sarebbe stato quello di girare 65 milioni, pari a una percentuale del 4%, nelle casse della Lega. Soldi che sarebbero serviti per finanziare la campagna elettorale del partito alle elezioni europee del 2019. Tuttavia, dagli accertamenti della guardia di finanza, coordinati inizialmente dai pm Sergio Spadaro e Gaetano Ruta (ora entrambi alla Procura europea), durati oltre tre anni e mezzo, non sarebbero stati raccolte prove a sufficienza per portare i tre indagati a processo.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *