Cassano attacca Immobile: “Non sa giocare a calcio, ha paura e non vuole la palla”

Pubblicità
Pubblicità

L’Italia pecca di lucidità sotto porta e Antonio Cassano non risparmia le critiche agli attaccanti della Nazionale, a cominciare da Ciro Immobile. Dopo la prova fornita contro la Svizzera a Basilea il centravanti della Lazio finisce infatti nel mirino dell’ex attaccante di Bari, Roma, Real Madrid, Milan, Inter, Parma e Sampdoria, che torna a far discutere con le sue pungenti dichiarazioni. “La Svizzera in difesa era talmente scarsa che è folle che l’Italia non abbia segnato. Immobile ha fatto 150 gol con la Lazio ma continuo a dire che non sa giocare a calcio – le parole di Fantantonio durante la trasmissione ‘Bobo TV’ ideata da Christian Vieri e con ospiti fissi Ventola ed Adani -, gioca con la paura, ha paura proprio e si vede. E quando gli dai palla non la vuole, lo avverto io che sono stato ex giocatore, sembra che scotti”.

Italia, Mondiale a rischio: ecco cosa serve per qualificarsi in Qatar

“Italia gioca calcio meraviglioso ma manca il centravanti”

Non è tipo da avere peli sulla lingua Cassano, che con la maglia azzurra vanta 39 presenze e 10 reti, convinto che alla squadra di Roberto Mancini manchi un vero numero 9 in grado di fare la differenza, coinvolgendo dunque nel suo discorso anche altre punte nel giro della Nazionale. “L’Italia pratica un calcio meraviglioso, ma ci manca il centravanti. Se togli Lewandowski alla Polonia e lo dai a Mancini, chi ci può battere? – ha aggiunto il 39enne pugliese rivolto ai suoi colleghi in videochat –  Con tutto il rispetto per Raspadori o Scamacca, non so se tra un anno e tre mesi possiamo presentarci così al Mondiale con quell’attacco. Raspadori è troppo giovane, Scamacca non mi convince molto a livello internazionale. Caputo? Già facciamo fatica con Immobile, con Ciccio sembrerebbe di giocare in sei uomini…”.

Allarme azzurro: Mancini cambia l’Italia, Immobile è in bilico

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source