Centrodestra, su Twitter la ‘rottura’ tra Crosetto e Storace: “Non meritava nulla”. La replica: “Meglio delle spranghe di un tempo”

Pubblicità
Pubblicità

“Ho appena bloccato sui social e sul telefono, per escluderlo dalla mia vita, una persona che conosco da decenni, per cui mi sono sempre speso, quando ha vissuto momenti di difficoltà, pur senza avere motivi di amicizia, riconoscenza o vicinanza. Non meritava nulla. Amen”. Questo tweet di Guido Crosetto alimenta un corposo dibattito sul social network. C’è anche chi annuncia di essere stato a propria volta oggetto della medesima scelta da parte dell’ex parlamentare FdI ma è Francesco Storace ad agganciarsi – non senza la sua abituale, pungente, ironia – a uno dei commenti per confermare, di fatto, di essere lui l’obiettivo della mossa di Crosetto.

“Me vie’ solo un pansiero pè contribui a sto’ post fugace: ‘sti caxxi se hai bloccato Storace…”, scrive infatti un follower di Crosetto al quale si aggancia subito l’ex deputato di An con un laconico “Esatto”.

Per la verità era stato proprio Storace a dare notizia del fatto: “Una nuova forma di antifascismo militante? Ti bloccano su Twitter. In fondo meglio delle spranghe di un tempo. Suggerisco un buon neurologo” il suo tweet, accompagnato dallo screenshot del ‘ban’. Sotto alla schermata, un link a Facebook: il contenuto della pagina Fb, però, non risulta più disponibile.

Effetto nostalgia, Storace e la foto con Fini: “Due ore a pranzo con lui, l’affetto non si rinnega”

Sempre su Twitter, i due si erano confrontati a febbraio, quando Fratelli d’Italia scelse di non appoggiare il governo Draghi. Crosetto, a sostegno della decisione presa dalla presidente Giorgia Meloni, aveva rilanciato la linea: “Veramente qualcuno preferirebbe che non ci fosse alcuna opposizione parlamentare? Mi pare che la posizione di Meloni sia seria e coerente, qualsiasi governo vorrebbe avere una opposizione così”. Ma Storace, all’epoca in FdI, aveva contrattaccato: “Se Fdl fosse entrata, l’opposizione sarebbe stata a sinistra”. Neanche un mese dopo Storace dava l’addio al partito.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source