Champions, Benfica-Ajax 2-2: Yaremchuk segna un gol per l’Ucraina

Pubblicità
Pubblicità

LISBONA – Il Benfica costringe l’Ajax alla prima mezza battuta d’arresto in Champions League. Reduci da un percorso netto nel girone, con sei vittorie in altrettante partite, i Lancieri vengono fermati 2-2 a Lisbona nell’andata degli ottavi di finale. Due volte in vantaggio, la squadra di Ten Hag si vede raggiungere dai lusitani che, dopo aver subito la maggiore qualità olandese nel primo tempo, tornano in campo con grande determinazione e agguantano il meritato pari nella ripresa.

<<La cronaca della gara>>

Tadic apre le marcature

Per il suo esordio in Champions, Verissimo preferisce il 4-4-2 utilizzato in campionato a uno schieramento con tre punte: a farne le spese sono Joao Mario a centrocampo e Yaremchuk in attacco, entrambi partiti dalla panchina. Ten Hag adatta Alvarez davanti alla difesa e come terminale offensivo conferma Haller, capocannoniere della competizione con 10 reti messe a segno nelle sei uscite della fase a gironi. L’avvio di gara evidenzia come le due squadre non vogliano rinunciare a esprimere il loro gioco. Al 3′ Vertonghen colpisce debolmente di testa sugli sviluppi di un calcio piazzato, mentre la replica dei Lancieri è affidata ad Antony che al 6′ strozza troppo la conclusione da centro area. Con il passare dei minuti i lusitani provano ad alzare il baricentro, ma soffrono il pressing alto dell’Ajax e vengono puniti al 18′. Dopo una palla persa in fase di disimpegno dal Benfica, Mazraoui sfrutta la prateria che si apre davanti a lui e crossa sul secondo palo, dove Tadic si coordina al volo e batte Vlachodimos.

Haller sbaglia porta, poi si riscatta

I portoghesi reagiscono con personalità: al 25′ Pasveer si salva in angolo sulla percussione di Rafa Silva, ma non può nulla sul goffo intervento di Haller, che devia nella propria porta il traversone di Vertonghen. L’equilibrio, però, dura poco e poco prima della mezz’ora il gigante dell’Ajax si riscatta, portando di nuovo avanti la squadra olandese con il tap-in vincente dopo la parata di Vlachodimos sul suo primo tentativo. Gli uomini di Ten Hag imbastiscono trame dall’alto tasso qualitativo e, complici gli  automatismi difensivi poco efficaci del Benfica, sfiorano il tris nel finale di primo tempo. Al 44′ il diagonale di Alvarez sbatte sul palo e Haller manca lo specchio sulla ribattuta da pochi passi, mentre nel recupero Antony calcia senza potenza e non impensierisce il portiere dei lusitani.

Yaremchuk firma il pareggio, è un gol per l’Ucraina

In avvio di ripresa il Benfica aumenta la pressione e mette i brividi all’Ajax al 55′ con un tiro da fuori di Everton deviato in angolo. Al 60′, su azione di ripartenza, Nunez in spaccata non trova la deviazione sotto porta sull’assist di Rafa Silva. L’Ajax è decisamente meno brillante rispetto alla prima frazione, ma quando si affaccia nell’area avversaria continua a essere pericoloso, come dimostra la parata provvidenziale di Vlachodimos al 63′ sull’inserimento di Mazraoui. Le folate offensive dei Lancieri, però, sono sporadiche e, sostenuto dal pubblico del da Luz, il Benfica spinge sempre di più fino a trovare il meritato pareggio al 72′: Ramos calcia di potenza dalla distanza, Pasveer si oppone in tuffo, senza riuscire a impedire la ribattuta vincente di Yaremchuk. Nell’esultanza l’attaccante si toglie la maglia e mostra il tryzub (tridente), stemma dell’Ucraina ed emblema delle forze armate, chiaro riferimento alla crisi tra la Russia e il suo Paese. Nel finale torna a premere l’Ajax, ma il Benfica tiene: il verdetto è rimandato alla sfida di ritorno della Johan Cruijff Arena.

Benfica-Ajax 2-2 (1-2)
Benfica (4-4-2): Vlachodimos; Gilberto (45′ st Lazaro), Otamendi, Vertonghen, Grimaldo; Rafa Silva, Weigl, Taarabt (39′ st Bernardo), Everton (17′ st Yaremchuk); Nunez (45′ st Goncalves), Ramos. All. Verissimo.
Ajax (4-2-3-1): Pasveer; Mazraoui (47′ st Rensch), Timber, Martinez, Blind (28′ st Tagliafico); Alvarez, Gravenberch (28′ st Klaassen); Antony, Berghuis, Tadic; Haller. All. Ten Hag.
Arbitro: Vincic (Slovenia).
Reti: 18′ pt Tadic, 26′ pt aut Haller, 29′ pt Haller, 27′ st Yaremcuk.
Note – Serata serena, terreno di gioco in buone condizioni. Ammoniti: Mazraoui, Berghuis, Nunez, Ramos, Yaremcuk, Antony.
Angoli: 7-2. Recupero: 3’pt, 5’st.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source