“Ci detestano, la più grande sconfitta di sempre”. Di Battista, “golpe” nel M5s?

Libero Quotidiano News

22 settembre 2020

“Io credo che sia stata la più grande sconfitta della storia del Movimento 5 Stelle”. Alessandro Di Battista entra a gamba tesa sull’esito delle elezioni regionali, probabilmente con l’intento di creare ulteriore scompiglio tra i grillini e far risalire le sue quotazioni in qualità di leader. Difficile però dargli torto stavolta, la sua analisi del voto è lucida per quanto riguarda ciò che è davvero accaduto ai 5 Stelle. A partire dal referendum, venduto come un clamoroso successo del Movimento anche dal suo sponsor principale, quel Marco Travaglio che ieri sera era tutto bello sorridente a Otto e Mezzo, al punto che Lilli Gruber ha dichiarato “hai vinto tu”.
In realtà il 70% del Sì al referendum non può essere considerato solo un successo del M5s: “Rischiamo di commettere un errore. Tante persone che hanno votato Sì non apprezzano il Movimento, magari lo detestano. Un eccesso di esultanza è fuorviante”. Poi Di Battista viene al capitolo più doloroso, quello delle regionali: “Il tema principale è la crisi identitaria del Movimento. È innegabile, non si tratta di essere disfattisti. Il sogno al quale hanno creduto tante persone oggi è in crisi, in tantissimi non ci credono più. Molti non sanno perché votare il Movimento, che si indebolisce sempre di più: questo mi preoccupa”. Allora Di Battista invoca gli Stati Generali: “Tutti si devono poter esprimere per una nuova agenda per ricostruire la comunità. La leadership forte c’è stata – è la frecciata a Luigi Di Maio – e il Movimento ha dimezzato i voti, con una sconfitta epocale alle Europee. Non si tratta di essere disfattisti, abbiamo perso dovunque”. 

Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.



Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi