Cibo e tecnologia: ecco le dieci app più scaricate dagli italiani

Pubblicità
Pubblicità

I nostri piatti preferiti passano sempre di più attraverso le app. Le applicazioni che scarichiamo sul nostro smartphone ormai fanno parte delle nostre abitudini di tutti i giorni. Per le aziende sono un vero e proprio affare che permette di comunicare costantemente con milioni e milioni di iscritti. I numeri sono da capogiro, in continua crescita e nascondono anche qualche sorpresa. 

Ognuno di noi ha una propria selezione che usa regolarmente sia per comodità, sia per scoprire nuovi sapori. Ma quali sono le app per il cibo più utilizzate dagli italiani? Guardando alla classifica di quelle gratuite (su Apple Store, categoria «Cibo e bevande»), emerge chiaramente che a farla da padrone sono le app pratiche che sono di aiuto, per esempio, nella scelta del ristorante o nella prenotazione del tavolo. C’è poi l’affollato mondo dei servizi di consegna di cibo pronto a casa. La stragrande maggioranza delle preferenze va però a quei servizi che fanno risparmiare qualche soldo. A dominare la classifica delle app più scaricate dagli italiani è, infatti, la ricerca del risparmio, sia attraverso promozioni o sconti, sia con le fidelity card. 

Guardando ai singoli nomi, a primeggiare nella top10 è l’app di McDonald’s anche grazie alle numerose riduzioni e promozioni che permette di incassare. Con l’app si possono, infatti, utilizzare i tanti coupon sconto per i menù dei diversi ristoranti del Paese. Le offerte si rinnovano periodicamente e guardano in particolare alla fascia dei giovanissimi, sempre connessi e in continuo contatto tra loro. I numeri sono impressionanti. In tutto, fa sapere l’azienda, sono oltre 17 milioni gli italiani che hanno già scaricato questo servizio sul proprio smartphone. La rivale Burger King si posiziona solo al quinto posto nella lista delle app più scaricate mentre altre due catene molto popolari come KFC Italia e Roadhouse sono rispettivamente in nona e decima posizione. Anche qui, a convincere sono le offerte e, nel caso di Roadhouse, anche la possibilità di avere sotto mano la carta fedeltà e il conteggio sempre aggiornato dei punti premio.

Nelle scelte degli italiani, che sul cibo si fanno aiutare dalla tecnologia, non ci sono solo le grandi catene del Fast Food. Tra le preferenze c’è anche una sorpresa: subito dietro a McDonald’s si piazza TooGoodToGo, realtà giovane nata in Danimarca nel 2015 e in Italia dal 2019. La formula che offre è particolare e in poco tempo ha permesso al brand di scalare le classifiche e di rivaleggiare con colossi ben più grandi: Too Good To Go è un’app contro lo spreco alimentare, che permette agli esercenti commerciali, dalle panetterie di quartiere, ai bar e pasticcerie, fino alle catene della grande distribuzione, di evitare lo spreco alimentare attraverso delle “Magic Box”, sacchetti a sorpresa di cibo invenduto, che il consumatore può acquistare a prezzo ribassato e passare a ritirare in negozio all’orario preferito. L’app, fa sapere la società, è stata scaricata già 4 milioni di volte in Italia con una prevalenza di donne e un’età media che si colloca tra i 20 e i 35 anni.

Nella top10 non potevano mancare i nomi dei grandi brand delle consegne di cibo a casa. Al terzo posto della lista si piazza Deliveroo, il marchio fondato nel 2013 in Uk e specializzato nelle consegne di piatti dai menù dei ristoranti partner. In quarta posizione si colloca, invece, Just Eat, servizio analogo nato in Danimarca. Al sesto posto si posiziona invece Uber Eats, altra realtà dei pasti pronti a casa nata negli Usa e con base a San Francisco. Al sesto posto c’è invece TheFork, piattaforma di prenotazioni online di ristoranti. Anche qui a convincere sono promozioni e sconti sul conto da pagare alla cassa, unendo così comodità e convenienza. Ad attirare l’interesse è però anche la possibilità di scoprire nuove tendenze nel food e alla opportunità di leggere e consultare le recensioni della community di utenti.

Fin qui l’elenco delle app gratuite più desiderate. Tutto diverso è invece il panorama delle applicazioni a pagamento, sempre sul cibo. Chi decide di pagare un euro o più per avere l’applicazione per il cibo e affini sul proprio smartphone vuole uno strumento pratico e che funziona bene. Le soluzioni gratuite in questo campo sono spesso povere di strumentazioni e limitate. In cima alla top20 a pagamento c’è “Osterie d’Italia 2021”, sulle orme dell’omonimo libro che molti hanno sui propri scaffali (e che costa molto più dei 7,99 euro chiesti). Segue poi “Ricette Cocktail IBA 2020”, con “Bilancia da Cucina” (aiuta a pesare gli ingredienti per cucinare). Ci sono poi “Gestore Ricette alla Paprika 3”, “Enogea Barolo docg Map” seguite da “Calcolapizza”, una comoda applicazione che aiuta a realizzare la pizza verace: offre i tempi giusti per la lievitazione anche in base all’umidità esterna e così via. Nell’elenco seguono: “Cocktail Plus”, “DOCG”, “Green Kitchen” (per gli amanti della cucina vegetariana) e “VinoCell – Cantine e Vini”.

Top10 della app gratuite

1 McDonald’s

2 Too Good To Go

3 Deliveroo

4 Just Eat

5 Burger King

6 Uber Eats

7 TheFork

8 Ticket Restaurant

9 KFC Italia

10 Roadhouse

A pagamento

1 Osterie d’Italia 2021

2 Ricette Cocktail IBA 2020

3 Bilancia da Cucina

4 Gestore Ricette alla Paprika 3

5 Enogea Barolo docg Map

6 Calcolapizza

7 Cocktail Plus

8 DOCG

9 Green Kitchen

10 VinoCell – Cantine e Vini 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source