“Ciciarem un cicinin”: su Instagram l’amarcord in dialetto milanese di Beppe Sala tra la gente

Pubblicità
Pubblicità

Ciciarem un cicinin“. Beppe Sala, in un post Instagram dedicato alla sua tappa della campagna elettorale presso il Municipio 9 con la candidata presidente Anita Pirovano, rispolvera il dialetto milanese con una frase che tocca la pancia della milanesità del Dopoguerra. “Ciciarem un cicinin“, chiacchieriamo un pochettino, (a commento di una foto che lo ritrae fra alcune signore) riprende infatti il titolo di una trasmissione radio in onda sul primo canale RAI negli anni Cinquanta e Sessanta sulle frequenze della leggendaria Radio Milano – seguiva il Gazzettino Padano, quotidiano di informazione sui fatti della Lombardia – condotta da Liliana Feldman, doppiatrice, cantante e conduttrice radiofonica italiana e figlia – non è affatto un caso – dell’attore Dante, passato alla storia per l’interpretazione della maschera di Meneghino. Quella trasmissione radiofonica rimasta ancora oggi nel cuore dei milanesi narrava le avventure del Gregorio e della Francesca, ideate da Attilio Carosso e interpretate magistralmente da Mario De Angeli e Evelina Sironi.

E il post non è passato inosservato, su Instagram, molti follower gli hanno risposto per le rime, sempre in meneghino ovviamente. “Una ciciarada la fa semper ben“, gli risponde paolasimona67. “Stè lí minga trop a cinquantala ne!”, sbotta ivanarioli. Ironizza biancatama: “La sciura è la sciura“. E maddalena_fossati chiosa: “Dai que vegni anca mi“. “Ciciarun” lo apostrofa scherzosamente cristinaacapoccia alla quale fa eco fallifelici con “la ciciarada”. E’ poi l’utente 0591_daniela a ricordare l’origine di quel detto: “Quando ero bambina alla radio c’era una trasmissione che si chiamava così”….

Non è la prima volta che Sala usa la carta del dialetto per rivolgersi alla cittadinanza, lo aveva già fatto – ma non in campagna elettorale – il 2 dicembre del 2020 durante una rara nevicata sulla città. “El fioca”, aveva commentato postando su Instagram la foto di un tram che si intravedeva fra i fiocchi di neve.

Sala ha poi raccontato il senso della sua visita al Municipio 9 in un post più dettagliato su Facebook. “L’area nord della nostra città – spiega il sindaco – è ricca di istituzioni culturali, centri di ricerca e luoghi di aggregazione. Oggi sono stato al Municipio 9 con la candidata presidente Anita Pirovano,ad ascoltare studenti e residenti su come continuare a migliorare i quartieri Bicocca e Pratocentenaro. Arriveranno nuovi interventi per trasformare in meglio la vivibilità dei quartieri e per una mobilità più funzionale e sicura, a partire dalla sicurezza per le vie ad alto scorrimento e dall’evoluzione dei mezzi pubblici. Nuovi luoghi di aggregazione. Più verde. Ci vorrà del tempo ma lo faremo”.

“Mi auguro – ha scritto ancora il primo cittadino – che esperienze positive come quella del Distretto Bicocca possano continuare a moltiplicarsi nella nostra città: quando pubblico e privato decidono di lavorare insieme nascono progetti per lo sviluppo culturale e sociale del territorio e per l’aggregazione dei cittadini”.

“A partire dalla piscina Scarioni – ha aggiunto – dove stiamo costruendo un partnerariato con soggetti privati che confermino la funzione pubblica del centro natatorio. Relativamente al mercato coperto si sta valutando la trasformazione in Casa della Salute, ma consulteremo i cittadini”. “Una chiave di crescita di Milano – ha concluso – è da sempre la sinergia tra privato e pubblico. Continuiamo a lavorare in questa direzione, per una Milano sempre più Milano”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source