Ciclismo, commento razzista nella crono: tecnico tedesco insulta due corridori africani

Pubblicità
Pubblicità

TOKYO – “Vammi a prendere questi due cammellieri”. Così si è espresso uno dei tecnici della nazionale tedesca di ciclismo, Patrick Moster, durante la cronometro maschile, l’ultima gara su strada del ciclismo all’Olimpiade. L’invito era rivolto al suo corridore, Nikias Arndt: i “cammellieri” a cui Moster si riferiva erano due corridori africani, l’algerino Azzedine Lagab e l’eritreo Amanuel Ghebreigzabhier, partiti rispettivamente tre e due minuti prima di Arndt. Il commento si è ascoltato chiaramente alla tv, tanto che il telecronista tedesco ha subito chiesto scusa per l’accaduto.

Più tardi, a bici ferme, sono arrivate anche le scuse di Moster: “Stavo incitando Arndt e in un momento di gran caldo e confusione ho scelto le parole sbagliate. Mi dispiace, spero di non aver offeso nessuno. Non sono razzista, ho molti amici di origini nordafricane, mi dispiace davvero”. Anche la Federazione tedesca ha stigmatizzato l’accaduto. Moster, 54 anni, è un ex corridore. Per la cronaca, nonostante il becero incitamento, Arndt ha chiuso 19° a 3’54” dall’oro di Primoz Roglic. 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source