Ciclista muore travolto da una volante della polizia a Torino

Pubblicità
Pubblicità

Un giovane è morto nella serata di mercoledì a Torino, investito mentre era in sella alla sua bicicletta da una volante della polizia. L’incidente è avvenuto all’altezza del rondò Rivella, non lontano dai Giardini reali.

Il ciclista, 33 anni, è stato identificato dai documenti che portava nello zainetto ma a tarda sera la polizia municipale, che è intervenuta a eseguire i rilievi sul sinistro, non aveva ancora rintracciato la famiglia per dare loro la tragica notizia della morte del giovane, che era originario della provincia di Bari.

Sono stati gli agenti a bordo della volante i primi a prestare soccorso al giovane, le cui condizioni sono subito parse disperate. È intervenuta anche un’ambulanza del 118, ma il giovane è morto sul posto. «Anche io ero lì, il ragazzo purtroppo malgrado il massaggio cardiaco durato un’eternità non ha dato segni di vita», racconta un testimone che era sul posto. «L’infermiera dell’autoambulanza e un poliziotto si alternavano nel massaggio. Ce l’hanno messa tutta ma purtroppo non c’è stato nulla da fare», aggiunge il testimone che era sul posto e ha assistito alle fasi dei soccorsi.

Erano all’incirca le 20.30 quando il giovane è stato investito dall’auto della polizia che stava procedendo lungo corso Regina Margherita in direzione di Porta Palazzo. Non è ancora chiara la dinamica ma secondo le prime informazioni raccolta, il ciclista avrebbe iniziato ad attraversare sulle strisce pedonali  dai Giardini reali verso corso Regio Parco. In quel punto, secondo la prima ricostruzione, i ciclisti dovrebbero portare la bici a mano anziché pedalare attraverso l’incrocio. Ma non è chiaro se una  manovra del genere avrebbe da sola evitato lo scontro tra i due mezzi.

Dopo l’urto, il traffico è stato deviato per permettere le manovre di soccorso e per permettere ai vigili di ricostruire con esattezza la dinamica dell’incidente, ascoltare le testimonianze degli agenti, cercare passanti e altri automobilisti per fare chiarezza su quanto accaduto.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source