Cinema e morto Tommy Lister ex wrestler attore per Tarantino e Nolan

Cinema: è morto Tommy Lister, ex wrestler attore per Tarantino e Nolan

Libero Quotidiano News
Pubblicità
Pubblicità

Condividi:

11 dicembre 2020

Los Angeles, 11 dic. – (Adnkronos) – L’attore statunitense Tommy ‘Tiny’ Lister, ex campione di wrestler diventato famoso per i ruoli interpretati nei film “Jackie Brown” di Quentin Tarantino e “Il cavaliere oscuro” di Christopher Nolan, è morto nella sua casa di Marina Del Rey, in California, all’età di 62 anni. Come ha spiegato la sua manager Cindy Cowan alla rivista “People”, Lister sarebbe stato trovato privo di sensi nel suo appartamento da un amico preoccupato che non rispondesse al telefono; poco dopo l’arrivo dei soccorsi sarebbe deceduto. Una settimana fa aveva manifestato problemi respiratori con sintomi riconducibili al coronavirus. Sulle circostanze della morte però sono ancora in corso gli accertamenti da parte del dipartimento dello sceriffo della contea di Los Angeles, che ha disposto l’autopsia.
Wrestler professionista, Lister – alto 1,96 metri e con l’occhio destro cieco – è stato un attore caratterista impegnato spesso nel ruolo del cattivo. Al cinema esordì con piccole parti in “A 30 secondi dalla fine” di Andrej Koncalovskij (1985), seguito da “Pazzi da legare” (1986), “Beverly Hills Cop II – Un piedipiatti a Beverly Hills II” (1987), “Prison” (1987), “La notte prima” (1988), “Due gemelli e una monella” (1989). Lister ebbe il suo primo ruolo importante – quello di Zeus, un brutale ‘Monster Heel’ – nella pellicola “Senza esclusione di colpi” (1989), finanziato dalla World Wrestling Federation e che aveva come protagonista Hulk Hogan.
Dopo aver continuato a combattere sul ring, Lister si è dedicato al cinema completamente dal 1996. L’anno successivo è comparso in “Il quinto elemento” di Luc Besson e “Jackie Brown” di Tarantino (1997). Tra i film successivi “Next Friday” di Steve Carr (2000), “Little Nicky – Un diavolo a Manhattan” di Steven Brill (2000), “Il cavaliere oscuro” di Nolan (2008) e “Holy water” di Tom Reeve (2009).



Go to Source