084313847 96bcc428 5013 4bb6 b15b 3894e5463e31

Cisgiordania, scontro con forze israeliane: uccisi tre palestinesi

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

084313847 96bcc428 5013 4bb6 b15b 3894e5463e31

RAMALLAH – Due membri dell’intelligence militare dell’Autorità nazionale palestinese (Anp) sono stati uccisi la scorsa notte in uno scontro a fuoco con le forze israeliane nel Nord della Cisgiordania. Nello scontro a fuoco è rimasto ucciso anche un terzo palestinese, presunto membro del gruppo terroristico della Jihad islamica, in quella che fonte israeliane hanno descritto alla Reuters come possibile errata identificazione durante un’operazione contro uomini armati ricercati.

Il declino di Fatah tra i palestinesi: “Ora vogliamo votare”

L’Autorità nazionale palestinese (ANP) è responsabile della sicurezza in Cisgiordania e si coordina con Israele sulla questione, nonostante lo stallo dei rapporti diplomatici fra le due parti. E’ raro che i rappresentanti dell’Anp si scontrino con le controparti israeliane: di solito si tengono a distanza dai raid israeliani in Cisgiordania.

I funzionari israeliani non hanno rilasciato commenti ufficiali sull’accaduto.

Il leader di Hamas pronto a negoziare con Israele per consegnare i prigionieri a Gaza

Il terzo palestinese ucciso sarebbe un ricercato da Israele. Fonti israeliane hanno detto alla Reuters che le forze speciali, alcune sotto copertura, sono entrate a Jenin per arrestare uomini armati sospettati di aver attaccato truppe israeliane. Le parti hanno avuto uno scontro a fuoco, provocando l’uccisione del ricercato e il ferimento di un altro uomo, che è stato arrestato. Gli agenti di sicurezza palestinesi, allertati dagli spari, hanno sparato agli israeliani senza capire cosa stesse accadendo, ha detto la fonte.

“Le nostre forze hanno risposto al fuoco, apparentemente pensando che la sparatoria degli uomini della sicurezza palestinese fosse parte dello scontro con i terroristi ricercati”, ha detto la fonte israeliana alla Reuters

 



Go to Source