Colao (Innovazione): la Pubblica Amministrazione nazionale nel cloud entro il 2025

Pubblicità
Pubblicità

ROMA – Entro il 2025, una larga parte della Pubblica Amministrazione italiana dovrà trasferire tutti i suoi dati e i suoi servizi in un “recinto” moderno e sicuro. Tra quattro anni, dunque, un’enorme mole di informazioni e di servizi avrà trovato casa nel cloud nazionale.

Questo spazio virtuale sconfinato – che il ministro Vittorio Colao (Innovazione) ha presentato oggi – sarà presidiato dalla nuova Agenzia per la Cybersicurezza nazionale, che condurrà per mano la Pubblica Amministrazione in questo delicato passaggio.

Il ministro Colao: “Sulla cybersicurezza il governo si è mosso”. E all’Agenzia arriva Baldoni

CHE COS’E’ IL CLOUD

Il processo di trasferimento inizierà dalla fine del 2022 e dovrà concludersi, per almeno il 75% delle amministrazioni, entro il 2025, appunto.

Autonomia, controllo e resilienza (resistenza) sono le parole chiave che guidano il governo. L’Italia vuole avere un controllo autonomo della complessa rete di server e cavi che rappresentano i pilastri del cloud. I dati della Pubblica Amministrazione non saranno accessibili a governi di Paesi terzi che il nostro Paese e l’Europa considerassero ostili.

TechTalk, l’attacco informatico alla Regione Lazio: cos’è successo e cosa può succedere

A poche settimane dall’attacco informatico alla Regione Lazio, il governo vuole mettere il cloud nazionale al riparo da “incidenti, assalti hacker, guasti tecnici”.

Colao: pronto il cloud di Stato, due strumenti per proteggere i dati

Perché i tre obiettivi siano raggiunti, bisognerà creare una struttura di comando unitaria, il Polo Strategico Nazionale.

Ovviamente non tutti i dati e servizi hanno la stessa importanza. Per questo, l’Italia individuerà intanto le informazioni e le attività che hanno un rilievo strategico per il Paese. Ci sono poi dati e servizi critici perché alla base del benessere diffuso dei cittadini. Parliamo della sanità, dei presidi di sicurezza, delle infrastrutture che governano l’economia.

Infine ecco dati e servizi ordinari, che non provocano “l’interruzione di servizi essenziali”.

In questo quadro, l’Italia non avrà un solo cloud, ma ne avrà 5, a seconda delle diverse necessità. Eccoli in dettaglio:
– il più importante è quello criptato. Custodirà dati, informazioni e infrastrutture con chiavi di protezione crittografate tra le più potenti al mondo;

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source