081752361 7c8347c9 c759 46e3 895f 1ed82338d085

Colori delle Regioni, l’Italia verso l’arancione solo quattro in rosso

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

081752361 7c8347c9 c759 46e3 895f 1ed82338d085

Tre regioni sono certe di restrare in rosso e una si aggiungerà sicuramente. Tutte le altre potrebbero essere arancioni anche se non è esclusa qualche sorpresa. Oggi la Cabina di regia di Istituto superiore di sanità e ministero alla Salute sancirà la riduzione delle restrizioni in alcune delle Regioni più grandi del Paese.

In Rosso, a causa dell’incidenza superiore a 250 casi per 100mila abitanti, resteranno Valle d’Aosta (415) e Puglia (257). Anche la Campania sarà nello scenario con più restrizioni ma a causa dell’Rt, che la settimana scorsa era superiore a 1,25. Lo stesso paramentro manda in rosso la Sardegna, fino a nemmeno troppo tempo fa addirittura in zona bianca. Tra gli incerti ci sono la Calabria, che era rossa la scorsa settimana per il fattore di replicazione dell’epidemia e potrebbe entrare in arancione e pure la Sicilia, che si trova nello stesso colore ma con dati preoccupanti soprattutto a Palermo, con il sindaco Leoluca Orlando che ha chiesto alla Cabina di regia di mettere in rosso almeno la sua città.

Alla fine di una settimana, con i dati che si calcolano dal venerdì al giovedì, durante la quale c’è stato un crollo di tamponi e quindi anche di casi in coincidenza con le feste di Pasqua, tante grandi Regioni che avevano i dati dell’incidenza da rosso scendono sotto la soglia dei 250 e quindi da lunedì o martedì dovrebbero passare in arancione. Si tratta di Piemonte (238), Toscana (230), Emilia-Romagna (207), Friuli (187), Lombardia (183). Beneficeranno della regola secondo la quale, per una dimenticanza nella stesura delle norme, basta un solo monitoraggio con dati di incidenza inferiori a 250 per lasciare la zona rossa ed entrare in quella arancione quando. Se invece il colore più restrittivo è determinato dall’Rt e dal rischio di settimane ce ne vogliono due.

Tutte le altre Regioni dovrebbero restrare in arancione, salvo che la Cabina di regia non rilevi degli aumenti dell’Rt (esclusi comunque ieri dal Lazio e dal Veneto).



Go to Source