Colori delle Regioni, solo tre restano in rosso. La Campania diventa arancione

Pubblicità
Pubblicità

Resteranno rosse tre Regioni dopo la Cabina di regia dell’Istituto superiore di sanità e del ministero alla Salute di oggi. La Campania infatti passa in arancione dall’inizio della prossima settimana perché migliora il suo Rt e migliora anche l’Incidenza settimanale per 100mila abitanti (238 casi).

L’infettivologo Matteo Bassetti: “I vaccini contro il Covid funzionano tutti e dobbiamo avere il coraggio di riaprire”

Solo tre ancora in rosso

Resteranno invece per un’altra settimana nello scenario con più restrizioni, a cominciare dalla chiusura dei negozi e dal divieto di visite ad amici e familiari, la Valle d’Aosta (incidenza a 319), la Puglia (260) e la Sardegna. Quest’ultima a causa dell’indice di replicazione (fattore Rt), visto che l’incidenza nel suo caso è 160, comunque oltre il triplo di quel 50 sotto il quale era scesa alcune settimane fa finendo addirittura in zona bianca, unica Regione ad averla sperimentata.

L’infettivologo Matteo Bassetti: “I vaccini contro il Covid funzionano tutti e dobbiamo avere il coraggio di riaprire”

Undici regioni con dati da zona gialla

Tutte le altre 16 Regioni (e le due Province autonome) italiane sono in zona arancione, anche se una buona parte, 11 più le 2 province, hanno numeri che le terrebbero in giallo. Come noto quella zona è stata esclusa dall’ultimo dpcm per proteggere il Paese dalla alta diffusione della pandemia dovuta anche alle varianti. Quindi dovranno ancora aspettare, a meno di cambiamenti di rotta del governo che rappresenterebbero colpi di scena, le Province di Trento e Bolzano (incidenza a 128 e 87), l’Abruzzo (122) la Calabria (183), l’Emilia-Romagna (182), il Friuli Venezia Giulia (156), il Lazio (161), la Lombardia (163), le Marche (155), il Molise (88), il Piemonte (204), l’Umbria (102) e il Veneto (134).

Ristoranti, palestre, cinema e spiagge. Ecco i protocolli allo studio di governo e Cts

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source