Come è fatto l’Nft degli accordi di Hey Jude scritti a mano da Paul McCartney

Pubblicità
Pubblicità

Gli appunti compaiono gradualmente sul foglio ingiallito. La voce di Julian Lennon, nel frattempo, racconta la sotria dietro quegli storici accordi, scritti a mano, che hanno portato a una delle canzoni più famose dei Beatles: Hey Jude. Se vi siete chiesti, negli ultimi tempi, come sia fatto un NFT, ebbene ecco la risposta: può essere esattamente così.

Gli appunti sugli accordi di Hey Jude, scritti dall’autore del brano, Paul McCartney, fanno parte di una serie di NFT che Julian Lennon, il figlio dell’ex Beatle John ucciso l’8 dicembre del 1980, ha deciso di mettere all’asta attraverso il suo sito Julien Auctions.Oltre allo storico documento, finiranno all’asta anche tre chitarre appartenute a Lennon, il cappotto che ha indossato per il film “Magical Mystery Tour” e il mantello di Help!.

La particolarità di quest’asta che si terrà il prossimo 7 febbraio, tuttavia, è che Julian Lennon venderà questi cimeli senza cederli fisicamente. Si potranno acquistare, insomma, solo le loro copie digitali accompagnate dal racconto audio del figlio dell’ex Beatle. È il bello – e per molti il lato oscuro – degli Nft, vale a dire certificati che attestano la proprietà di opere digitali. In pratica i Non-Fungible Token, grazie alla tecnologia blockchain, consentono di trasformare opere digitali o analogiche in beni unici, validati dal loro autore che ne riconosce l’autenticità e dunque può cederne la proprietà.

“Ho collezionato questi oggetti personali per circa 30 anni ed ero stufo di vederli rinchiusi in un caveau, dove ho dovuto tenerli perché non volevo che si danneggiassero” ha raccontato Julian Lennon a Variety, che ha pubblicato in anteprima la notizia sull’asta. “Abbiamo fatto alcune mostre in Europa con gli oggetti – ha aggiunto Lennon – e la mia intenzione era quella di fare un toru con i cimeli, e spero ancora di farlo prima o poi, ma ovviamente gli ultimi anni non hanno aiutato”. Julian lennon dunque ha pensato che vendere i cimeli sotto forma di NFt “sarebbe stato un modo unico per tramandare l’eredità di mio padre”.

Una parte del denaro ricavato dall’asta andrà alla White Feather Foundation di Lennon, che utilizzerà i fondi per acquistare la rimozione del carbonio da Nori – una startup di Washington che ha mercificato la rimozione dell’anidride carbonica – sotto forma di Nori Carbon Removal Tonnes (NRT).

di Pier Luigi Pisa

Leggi il blog su Italian Tech: Per me gli Nft sono una bolla speculativa irrazionale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source