Comunali Milano, Bernardo corregge il tiro: “Sono antifascista come tutti gli italiani”

Pubblicità
Pubblicità

“Credo che la mia storia parli da sola. Io sono antifascista come credo tutti gli italiani”. Lo ha detto il candidato sindaco del centrodestra a Milano, Luca Bernardo, in visita oggi al centro vaccinale Pirelli HangarBicocca.
“Pensiamo invece ai nostri anziani”, ha aggiunto Bernardo, che ha mostrato la foto del nonno partigiano e della nonna che “nascondeva in casa tante persone scappate”.

Aggiusta il tiro, ora, il candidato a sindaco di Milano per il centrodestra. Fa retromarcia, dietrofront, cerca di buttare acqua sul fuoco delle polemiche sorte dopo aver dichiarato: “Non distinguo le persone tra fasciste e antifasciste”. Sala gli aveva risposto attaccandolo frontalmente: “Chi non ha il coraggio di dichiararsi antifascista – era stato il commento del sindaco uscente – è indegno di governare Milano, città Medaglia d’oro per la Resistenza”. Bernardo aveva replicato contrattaccando: “Accuse create ad arte sotto l’ombrellone e alimentate dai social”. Oggi, però, giorno di Ferragosto, deve averci ripsensato e ha deciso, finalmente, di fare dichiarazione di antifascismo. Come – crede lui – “siano tutti gli italiani”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source