184709122 33baa48f 742d 4a7a 9e21 bfea49bb4652

Congo, il presidente annuncia: “Arresti per l’omicidio dell’ambasciatore Attanasio, del carabiniere Iacovacci e dell’autista Milambo”

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

184709122 33baa48f 742d 4a7a 9e21 bfea49bb4652

KINSHASA – In Repubblica democratica del Congo (Rdc) sono stati arrestati alcuni sospetti collegati all’attacco del 22 febbraio nella provincia orientale del Nord Kivu e nel quale sono morti l’ambasciatore d’Italia Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il collaboratore del Programma alimentare mondiale (Pam) Moustapha Milambo. Lo ha detto il presidente, Felix Tshisekedi, citato dal quotidiano congolese Actualite, precisando che in base ai dati raccolti con gli arresti e gli interrogatori dei sospetti sembra accertata la presenza di “un’organizzazione” alle spalle di quanto accaduto, formata da aggressori organizzati in bande armate e di cui si cercano i leader.

Il racconto del superstite: “Era una gang di violenti, Luca potevano salvarlo”

“Le indagini continuano. Ci sono sospetti che sono stati arrestati ed interrogati. Al di la’ di questi sospetti, c’e’ sicuramente un’organizzazione. Sono banditi che intercettano e aggrediscono gli automobilisti sulla strada, organizzati in bande e che hanno sicuramente qualcuno che li guida. Questo e’ tutto cio’ che dobbiamo mettere insieme e risalire come una catena”, ha detto Tshisekedi. Il presidente congolese, che quest’anno ricopre anche il ruolo di presidente ad interim dell’Unione africana, si e’ espresso durante la sua visita a Parigi tenuta nei giorni scorsi in occasione della Conferenza per il sostegno alle economie africane, un appuntamento internazionale convocato dalla presidenza francese e nel cui contesto ha incontrato il presidente Emmanuel Macron.

“Ha fatto da scudo ad Attanasio”. La morte da eroe del carabiniere



Go to Source