Conte: “Faticaccia enorme, non credo che reggerò a lungo”

Pubblicità
Pubblicità

MODENA. “Siccome non ritengo di essere infallibile, e nemmeno vedo davanti un orizzonte poi così lungo, ve lo dico francamente: questo è un impegno stressantissimo. Lavorare così per il bene comune è una faticaccia enorme, quindi non credo che la potrò reggere fisicamente a lungo. Spero, e faremo in modo, che ci sia qualcuno più bravo di me, quando sarà il momento. Ma questo progetto è forte e dovete appoggiarlo, non lasciate che altri parlino con la vostra voce”.

Così Giuseppe Conte, leader M5s, questa mattina nel corso del suo intervento dal palco in piazza a Finale Emilia, nell’ambito del tour elettorale verso le comunali di ottobre che porterà l’ex premier oggi nel modenese e nel bolognese. Dunque, Conte conferma che lavorare come capo politico di un movimento non è come fare il premier, e continua comunque sul rilancio avviato per l’M5s: “Non vi stiamo chiedendo un voto, anche se adesso con le elezioni comunali sarete chiamati a esprimerlo. Quanti voti ho espresso in passato, durante la mia adolescenza e oltre, di cui poi mi sono sono anche pentito. Chiedo quindi – rilancia Conte – qualcosa di più di un voto: chiedo di condividere il nostro progetto che ora stiamo rilanciando, i nostri principi e valori”.

Di sicuro, completa l’ex presidente del consiglio, “non prometto nulla: in queste giornate ne sentirete tante di promesse, tanto più quelle che non si realizzano. Il nostro progetto invece lo porteremo avanti, oltre questa tornata elettorale, perché ha forti gambe e serve al paese: ha una sua forza intrinseca, al di là – conferma appunto – degli interpreti…”.
 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source