Conti in rosso per il blog di Grillo. Società rischia la liquidazione per mancanza di pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

La pandemia si fa sentire anche sui conti di Beppe Grillo. La società fondata dal garante M5S e alla quale è affidata la gestione del suo blog, la ‘Beppegrillo Srl’, ha chiuso l’ultimo bilancio, quello relativo all’anno 2020, con un passivo di 12.457 euro, a fronte del risultato positivo di 65.753 euro riportato nell’esercizio precedente. “L’andamento della gestione”, si legge nella relazione al bilancio visionata dall’agenzia di stampa Adnkronos, “è stato fortemente influenzato dall’emergenza epidemiologica Covid-19”, i cui effetti si sono riversati anche sul settore dei portali web, caratterizzato, nel corso dell’esercizio, “da una drastica riduzione dei fruitori e clienti richiedenti pubblicità sul web”.

Grillo torna a difendere il reddito di cittadinanza: “Una delle riforme sociali più importanti della nostra Repubblica”

Nella nota integrativa che accompagna il documento suona un campanello d’allarme per la Srl genovese di Grillo. “A causa della pandemia Covid-19 le imprese commerciali in genere hanno ridotto drasticamente i costi per la pubblicità” e “tale trend” ha interessato anche la Beppegrillo Srl. “Si conta nel corso del biennio 2021/2022 di stipulare nuovi contratti pubblicitari. Diversamente e tempestivamente”, l’avvertimento, “la società sarà messa in liquidazione”.

Vaccini, Beppe Grillo: “Sul Green Pass serve pacificazione. Lo Stato paghi i tamponi ai lavoratori”. Il no del ministro Orlando

Si assottigliano anche i depositi bancari dell’azienda, stando al rendiconto: le disponibilità liquide comprese nell’attivo circolante passano infatti dai 54.464 euro del precedente esercizio agli attuali 27.436 euro. Il patrimonio netto esistente alla chiusura dell’esercizio è pari a 126.544 euro (139.001 euro nel precedente esercizio). I debiti complessivi ammontano invece a 12.206 euro (31.904 euro nell’esercizio 2019). E se i “ricavi delle vendite e delle prestazioni” scendono da 240.538 euro (anno 2019) a 57.939 euro, il totale dei “costi della produzione” passa da 151.000 a 70.384 euro.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source