Corea del Nord, lacrime in tv per il Grande Leader: “Kim Jong-un emaciato, ci spezza il cuore”

Pubblicità
Pubblicità

La televisione statale della Corea del Nord ha recentemente mandato in onda un’intervista a un cittadino che esprimeva preoccupazione per un Kim Jong-un dall’aspetto più magro, alimentando le speculazioni secondo cui il leader della Repubblica Popolare Democratica di Corea abbia perso peso in modo significativo.

Corea del Nord, il proclama di Kim Jong-un: prepararsi sia a dialogo che allo scontro con gli Usa

“Alla gente si è spezzato il cuore nel vedere il rispettato segretario generale sembrare più magro”, ha detto l’uomo durante un’intervista con la televisione centrale coreana venerdì, e riferito dall’agenzia Yonhap. “Tutti dicono di essere commossi fino alle lacrime”, ha aggiunto il residente.

Un notiziario in precedenza aveva affermato che Kim sembrava aver perso una “significativa quantità di peso” sulla base di quanto fosse stato stretto il suo cinturino da polso.

Nel video, i residenti di Pyongyang sono ripresi durante la visione di un grande schermo sistemato per strada con le immagini di un concerto presenziato da Kim e dei funzionari di massimo livello dopo una riunione plenaria del Partito dei Lavoratori. Gli analisti ritengono che Pyongyang stia usando l’aspetto di Kim per dipingerlo come un leader “dedito e laborioso” mentre il Paese lotta per affrontare la sua grave crisi alimentare e numerose altre sfide.

Corea del Nord, Kim Jong-un ammette “una situazione alimentare tesa”

La Corea del Nord ha chiuso i suoi confini a gennaio 2020 per proteggersi dalla pandemia, abbattendo l’interscambio commerciale con la Cina che resta il suo storico alleato e partner, mentre tutti gli operatori umanitari internazionali hanno lasciato il Paese. Le speculazioni sulla salute di Kim sono esplose l’anno scorso dopo che il leader saltò la commemorazione del compleanno del 15 aprile del nonno Kim Il-sung, fondatore dello Stato, assentandosi dalla vita pubblica per circa 20 giorni.

Anche il padre, Kim Jong-il e il nonno Kim Il-sung, erano obesi, fumatori e amanti dell’alcol: entrambi morirono a causa di infarto per effetto di malattie croniche e vita estremamente disordinata. Nel 2016, l’intelligence della Corea del Sud riferì che Kim era ingrassato fino a raggiungere almeno i 130 chilogrammi, con circa 40 chili accumulati dalla presa del potere a fine 2011.

Nel 2020, invece, le stime parlarono di altri 10 chili guadagnati, portando il totale a quota140. Quando è riapparso sui media statali a inizio giugno dopo un’assenza di quasi un mese, gli analisti di NK News, sito web con sede a Seul che monitora le vicende del Nord, notarono che il cinturino del suo orologio sembrava essere più stretto intorno al polso, proprio per la perdita di peso.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source