Coronavirus, i primi test del vaccino italiano: “Gli anticorpi bloccano virus”

La Republica News

Funzionano gli anticorpi generati nei topi dal vaccino italiano dell’azienda Takis: lo indicano i test eseguiti nel laboratorio di virologia dell’istituto Spallanzani. Così l’amministratore delegato Luigi Aurisicchio. E’ il livello più avanzato finora raggiunto nella sperimentazione di un candidato vaccino nato in Italia, ma i test sull’uomo sono previsti comunque dopo l’estate.”Procedendo con questi ritmi sarà possibile avviare da luglio le prime sperimentazioni sull’uomo” ha spiegato il direttore sanitario, Francesco Vaia aggiungendo che “se i primi test daranno un esito positivo, porteranno nel 2021 alla somministrazione del vaccino su un alto numero di persone a rischio e, spero, alla dimostrazione della sua efficacia”.Per la sperimentazione l’istituto per le malattie infettive della Capitale, centro di eccellenza per la lotta al nuovo coronavirus,  sta allestendo un’area dell’ospedale che sarà specificatamente dedicata alla somministrazione del vaccino a volontari sani, nel “rispetto di tutte le garanzie di sicurezza”. Nel mese di maggio inizierà la selezione dei primi volontari, che dovrebbero essere poco meno di 50, e con uno ‘sprint’ finale l’avvio dei test potrebbe essere anticipato addirittura di qualche giorno, alla fine di giugno.Medicina e Ricerca

Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi