Coronavirus il bollettino di oggi 11 dicembre 18.727 nuovi casi con 190.416 tamponi. Le vittime sono 761

Coronavirus, il bollettino di oggi 11 dicembre: 18.727 nuovi casi con 190.416 tamponi. Le vittime sono 761

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

Sono 18.727 i nuovi positivi ai test per il coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Le vittime sono 761. Ieri i nuovi casi erano stati 16.999 con 171.586 test, 887 i morti.I tamponi effettuati sono stati 190.416, quasi 20 mila in più in rispetto a ieri. Il tasso di positività è del 9,8%, stabile rispetto a ieri, quando era stato del 9,9%.
Sono 3.265 i pazienti in terapia intensiva, con un saldo negativo tra ingressi e uscite di 26 unità nelle ultime 24 ore. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 208 Nei reparti ordinari ci sono invece ricoverate 28.562 persone, in calo di 526 unità rispetto a ieri.
Coronavirus, guida al bollettino: ecco perché sembra che sommiamo i nuovi malati ai guariti e ai morti
a cura di ALESSIO SGHERZA, ANNALISA D’APRILE, EVA CSUTHI 06 Ottobre 2020

Medici, aumentano ancora le vittime: ora sono 255
Salgono a 255 i medici morti in Italia durante la pandemia di Covid-19, di cui 76 solo nella seconda ondata epidemica. Lo segnala la Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri, informando del decesso di Valter Adamo, ex primario di Ginecologia e Ostetricia in pensione.Oggi la Fnomceo ha dovuto inserire nel suo ‘elenco caduti’ 6 nomi: oltre a quello di Adamo, i medici di medicina generale Flavio Bison, Gianpaolo Pellicciari e Carlo Grasso, l’odontoiatra Paolo Duso e Francesco Gasparini, anestesista in pensione ma rientrato in servizio per l’emergenza Covid.

Covid, muore ex primario del Giovanni XXIII di Bari: Domenico Mele aveva 74 anni. “Più della metà spesi a salvare i bambini”
di Cenzio Di Zanni 11 Dicembre 2020

Viminale, ieri 69 mila controlli,18 denunce e 735 sanzioni
Sono 69.085 le persone controllate ieri in Italia nell’ambito delle misure anti-Covid, secondo i dati resi noti dal ministero degli Interni sul proprio sito: 735 sono state sanzionate, 18 quelle denunciate. Sono13.860 le attività e gli esercizi commerciali controllati, 57 i titolari sanzionati, 12 le chiusure disposte.
VALLE D’AOSTA
Ancora tre decessi in Valle d’Aosta. È quanto riportato nel bollettino della Regione Valle d’Aosta. Il totale delle vittime sale così a 347 (201 nella ‘seconda ondata’), di cui 180 uomini e 167 donne (età media 83,5 anni). I nuovi casi positivi sono 11 (110 persone sottoposte a tampone), le guarigioni sono 75. Gli attualmente contagiati scendono a 716. I pazienti ricoverati sono 97 (51 all’Ospedale Parini, 32 all’Isav, 5 all’Ospedale da campo), di cui 9 in terapia intensiva.Da domani sarà possibile fare escursioni con le ciaspole in Valle d’Aosta, che tutt’ora è zona ‘arancione’. Resta il divieto per lo scialpinismo, a meno di non essere accompagnati da una guida alpina. È quanto prevede un’ordinanza – che si fonda sulla nuova legge regionale appena approvata – che sarà firmata nelle prossime ore dal presidente della Regione, Erik Lavevaz. “Sulle ciaspole non sono state rilevate problematiche – ha spiegato Lavevaz in conferenza stampa – mentre per lo sci alpinismo possono esserci rischi per valanghe e infortuni, c’è il pericolo di avere avventurieri in questo campo”.
PIEMONTE

Comuni e Regioni più duri del Dpcm. Ma c’è anche chi chiede deroghe
11 Dicembre 2020

LIGURIA
Da inizio emergenza sono saliti a 2.627 i decessi di persone positive al coronavirus registrati in Liguria. Il report odierno diffuso dalla Regione riporta infatti 25 nuove vittime: si tratta di persone tra i 61 e i 97 anni, morte tra il 24 novembre e il 10 dicembre. In ospedale ci sono invece meno ricoveri: ad oggi sono 887, 20 in meno di ieri. Di questi, 84 sono in terapia intensiva. Il bollettino riporta anche 340 nuovi casi di positività al virus: nelle ultime 24 ore effettuati 4.707 tamponi molecolari, 642.156 da inizio emergenza. Sono stati effettuati in un giorno anche 4.095 tamponi antigenici rapidi, 108.998 dal 2 novembre scorso.
LOMBARDIA
L’indice rt del contagio in Lombardia è sceso sotto l’1 (attualmente è circa 0,8), e così anche l’indice dei ricoveri. Lo comunica il dirigente Welfare della Regione Danilo Cereda durante l’odierna seduta di commissione Sanità a Palazzo Pirelli, sottolineando come “anche per la prossima settimana le cose andranno migliorando”. Il dirigente regionale evidenzia poi alcuni dati: degli oltre 4 milioni di tamponi effettuati da inizio pandemia, un quarto sono stati effettuati a novembre (circa 1,2 milioni). Mese in cui sono pervenute 227.000 segnalazioni da parte dei medici di base, mentre a luglio solo 10mila. Sull’aspetto dei decessi invece, come sottolinea Cereda, “la curva della prima ondata era una curva più importante rispetto a quella della seconda. Guardando infatti il numero cumulativo tra la prima e la seconda ondata, nella prima ondata il numero di decessi era tra i 15 e 16mila, mentre nella seconda attorno ai 4/5mila”. 

PROVINCIA DI TRENTO
PROVINCIA DI BOLZANO
In Alto Adige nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 17 decessi, portando il numero complessivo delle vittime a 629. I laboratori dell’Azienda sanitaria hanno effettuato 2.142 tamponi e registrati 252 nuovi casi positivi. 242 persone con Covid-19 sono ricoverate nei normali reparti ospedalieri, 141 in cliniche private e altre 27 in terapia intensiva. Sono 7.024 le persone in isolamento domiciliare.FRIULI VENEZIA GIULIA

Altre quattro Regioni verso la zona gialla
di Michele Bocci 11 Dicembre 2020

VENETO
In Veneto continua la crescita dei contagi con 3.883 nuovi casi di positività nelle ultime 24 ore, per un totale di 181.451 infetti dall’inizio dell’epidemia. Lo riferisce il bollettino della Regione. E oggi si registrano 108 decessi in più rispetto a ieri, per un numero complessivo di 4.659 morti. Scende invece il numero dei ricoveri in ospedale nei reparti non critici, 2.801 malati Covid (-64), mentre nelle terapie intensive sono ricoverate 375 persone (+18).Dallo scorso febbraio gli ospiti delle Rsa venete deceduti con positività al covid sono 1.968. Al momento, invece, dei 28.714 ospiti 3.662, ovvero il 12,8%, sono positivi e di questi 160 sono ricoverati in ospedale. Il picco è nella Ulss 9 Scaligera, dove è positivo il 20,5% degli ospiti delle Rsa. Nella Ulss 5 polesana, invece, è positivo solo il 7% degli ospiti, e nella ulss 4 Veneto orientale l’8,4%. Gli operatori positivi sono invece 1.291, ovvero il 3,4% del totale, pari a 34.790 persone.

“Anche gli asintomatici sviluppano anticorpi. Il vaccino per loro può aspettare”
di Elena Dusi 10 Dicembre 2020

EMILIA – ROMAGNA
Dopo i test sierologici, nelle farmacie dell’Emilia-Romagna arriva anche la possibilità di eseguire gratuitamente i tamponi rapidi. Dal 21 dicembre e fino al 30 giugno ci si potrà prenotare negli esercizi che hanno aderito al progetto, sulla base dell’accordo raggiunto tra Regione e Federfarma, Assofarm, Ascomfarma e Farmacie riunite.
SAN MARINO
Nella Repubblica di San Marino, nelle ultime 24 ore, si sono registrati 38 nuovi casi e un decesso. Lo comunica l’Istituto di sicurezza sociale sammarinese. Con questi dati salgono a 50 i morti dall’inizio della pandemia e a 303 il numero complessivo dei contagiati attuali. I ricoverati all’ospedale di Stato sono 22, due in meno di ieri, di cui cinque in terapia intensiva.
TOSCANA
In Toscana sono 657 i positivi in più rispetto a ieri, su un totale, da inizio epidemia, pari a 111.097 unità. I nuovi casi sono lo 0,6% in più rispetto al totale del giorno precedente. L’età mediana dei 657 casi odierni è di 51 anni circa. Oggi si registrano 50 nuovi decessi: 31 uomini e 19 donne con un’età media di 84,3 anni. I guariti crescono del 2,5% e raggiungono quota 87.191 (78,5% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.693.046, 12.197 in più rispetto a ieri, di cui il 5,4% positivo. Sono invece 3.487 i soggetti testati oggi (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 18,8% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 3.718 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 20.824, -6,8% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.509 (61 in meno rispetto a ieri), di cui 241 in terapia intensiva (6 in meno). 

UMBRIA
Sono 219 i nuovi casi di positività rilevati oggi in Umbria. Scende ancora il numero degli attualmente positivi che passa da 5.379 a 5.089. Sono 9 invece i decessi registrati che portano il numero totale delle vittime a 507. Lo rende noto la Regione nell’aggiornamento quotidiano dei dati pubblicato sul sito.
LAZIO
Diminuiscono i nuovi positivi nel Lazio. “Oggi, su quasi 15mila tamponi, si registrano 1.230 casi”, ha reso noto l’assessore alla Sanità regionale, Alessio D’Amato. Ieri i nuovi positivi erano stati 1.488 su quasi 16mila tamponi eseguiti. Il numero dei decessi rimane invece invariato rispetto a ieri: sono 68. I guariti nelle ultime 24 ore sono 3.736. “Roma città scende al di sotto dei 600 casi (558). Il valore rt scende a 0.67. I guariti sono tre volte i casi positivi. La strada è quella giusta, ma non bisogna abbassare il livello di attenzione”, ha concluso D’Amato.Nel Lazio sono 88.193 i casi attualmente positivi (in calo rispetto a ieri quando erano 90.767), di cui 3.026 ricoverati (ieri erano 3.036), 339 in terapia intensiva (stabili) e 84.828 in isolamento domiciliare. Dall’inizio dell’epidemia, i guariti sono in totale 46.080, i decessi 2.870 e il totale dei casi esaminati è pari a 137.143.
MARCHE
Nelle Marche sono stati accertati, nelle ultime 24 ore, altri 483 casi. I nuovi positivi sono il 24,7% rispetto ai 1.958 tamponi processati nel percorso per le nuove diagnosi. Rispetto al giorno precedente, il rapporto tra positivi (323) e test (1.264) è sceso ancora: era stato del 25,5%. Il totale dei positivi individuati dall’inizio della crisi pandemica è salito così a 33.866. Lo si apprende dal primo aggiornamento del Servizio Sanità della Regione Marche.
ABRUZZO
Sono complessivamente 31.463 i casi positivi registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza. Rispetto a ieri ci sono 262 nuovi casi (di età compresa tra 1 e 94 anni). I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 38. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 4 nuovi casi e sale a 1.017. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 14.947 dimessi/guariti (+750 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 15.499 (-412 rispetto a ieri). Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 453.936 test (+4.148 rispetto a ieri). 647 pazienti (-10 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 66 (+1 rispetto a ieri con 5 nuovi ricoveri) in terapia intensiva, mentre gli altri 14.786 (-483 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.È durata poco più di mezz’ora l’udienza telematica presso il Tar dell’Aquila sul ricorso del governo contro l’ordinanza Marsilio che ha riportato l’Abruzzo in zona arancione. Il presidente Umberto Realfonso dovrebbe emettere il decreto monocratico sulla sospensione o meno dell’ordinanza nella mattinata di domani. Regione Abruzzo e Avvocatura dello Stato hanno confermato nel dibattito quanto contenuto nel ricorso dell’uno e la memoria difensiva dell’altro.

CAMPANIA

De Luca: “Quest’anno Natale e Capodanno non esistono”
di Dario del Porto 11 Dicembre 2020

MOLISE

Vaccino anti-Covid, la Ue cerca una data per partire tutti insieme
dal nostro corrispondente Alberto d’Argenio 11 Dicembre 2020

BASILICATA
Continua in Basilicata il calo di nuovi casi positivi: 124 nelle ultime 24 ore (104 relativi a persone residenti in regione), dall’analisi di 914 tamponi: l’ha reso noto la task force regionale, aggiungendo che sono decedute sei persone. In un giorno sono guariti 138 pazienti. I ricoverati scendono a 131: solo 15, però, sono in terapia intensiva (sette a Potenza e otto a Matera). Dall’inizio dell’emergenza sono stati analizzati in Basilicata 164.832 tamponi, 153.513 dei quali sono risultati negativi.
PUGLIA
Oggi in Puglia, a fronte di 11.223 test sono stati registrati 1.813 casi positivi: 667 in provincia di Bari, 215 in provincia di Brindisi, 332 nella provincia Bat, 258 in provincia di Foggia, 103 in provincia di Lecce, 219 in provincia di Taranto, 7 residenti fuori regione, 12 casi di residenza non nota. Sono stati inoltre registrati 34 decessi: 12 in provincia di Bari, 1 in provincia di Brindisi, 9 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Lecce, 10 in provincia di Taranto. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 878.289 test, 18.460 sono i pazienti guariti e 49.991 sono i casi attualmente positivi.Sale a 6 il numero delle vittime tra i degenti della casa di riposo “Domus Sancta Familia” di Locorotondo (Bari). Nella struttura del Barese, a fine novembre, si è sviluppato un focolaio epidemico con 36 contagiati di cui 7 operatori sanitari. Le ultime due vittime sono una donna di 87 anni e una di 94: entrambe erano state trasferite in strutture ospedaliere, dove sono morte a causa del “peggioramento delle condizioni di salute”. A comunicarlo è il sindaco Antonio Bufano, che ha espresso vicinanza ai parenti delle due anziane.Un focolaio è stato individuato nel carcere di Foggia dove i positivi sono 22: 18 detenuti e 4 dipendenti. La Asl di Foggia sta provvedendo allo screening su personale e popolazione carceraria. I positivi stanno bene e sono monitorati.

Le dieci regole per il pranzo di Natale
di Elena Dusi 10 Dicembre 2020

CALABRIA
In Calabria ad oggi sono stati sottoposti a test 379.815 persone per un totale di 393.096 tamponi eseguiti (allo stesso soggetto possono essere effettuati più test). Le persone risultate positive sono 19.333 (+158 rispetto a ieri), quelle negative 360.482. Sono questi i dati giornalieri relativi all’epidemia da Covid-19 comunicati dal dipartimento Tutela della Salute, che fanno registrare 365 ricoverati (-5), 21 persone in terapia intensiva (-3), 9.538 guariti/dimessi (+512) e 379 deceduti (+6). I casi attualmente attivi sono 9.416.
SICILIASARDEGNA
Sono 25.477 i casi di positività complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati 198 nuovi casi. Si registrano anche 7 decessi (563 in tutto). In totale sono stati eseguiti 413.872 tamponi con un incremento di 4.285 test. Sono invece 595 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (quindici in meno rispetto al dato di ieri), mentre è di 64 (+1) il numero dei pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 14.406. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 9.729 (+114) pazienti guariti, più altri 120 guariti clinicamente. Sul territorio, di 25.477 casi positivi complessivamente accertati, 5.557 (+64) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 4.055 (+48) nel Sud Sardegna, 2.041 (+35) a Oristano, 4.706 (+10) a Nuoro, 9.118 (+41) a Sassari.



Go to Source