Coronavirus, in Belgio il primo caso in Europa della variante sudafricana. La Ue pronta a sospendere i voli dall’Africa

Pubblicità
Pubblicità

Identificata una nuova variante in Sudafrica, simile a Delta e Beta ma con nuove mutazioni. Israele, Germania, Italia (stop ingresso per 14 giorni) e Regno Unito sono già corsi ai ripari vietando i viaggi da 6 Paesi dell’Africa australe a partire dalle 12 di oggi: Sud Africa, Namibia, Lesotho, Eswatini, Zimbabwe e Botswana. Per quanto riguarda l’Unione europea, la misura è in corso di valutazione. “La Commissione europea proporrà, in stretto coordinamento con gli Stati membri, di interrompere i voli dalla regione dell’Africa meridionale a causa della variante B.1.1.529”, ha annunciato su Twitter la presidente della Commissione europea Ursula von del Leyen. Le restrizioni agli ingressi sono state contestate dal ministero degli Esteri sudafricano che le ha definite “affrettate”.

Secondo Maria van Kerkhove, esperta dell’Oms, “sulla variante non si sa ancora molto e ci vorranno settimane per capire” ma c’è preoccupazione per “l’elevato numero di mutazioni”, dal momento che questa caratteristica “può avere un impatto sullo sviluppo del virus”. La ricercatrice ha specificato che anche a questa variante, come alle precedenti, verrà a breve dato un nome con lettera greca.

Il professore Tulio D’Oliveira, a capo del team di scienziati sudafricani, ha affermato che l’unica cosa positiva rispetto a questa variante, è che si può essere rilevare nei test con tampone molecolare.

In Belgio il primo caso della variante in Europa

C’è un primo caso in Belgio, e in Europa, della nuova variante sudafricana del virus. Lo rendono noto i media belgi. Si tratterebbe di una giovane donna adulta che ha sviluppato i sintomi 11 giorni dopo aver viaggiato in Egitto attraverso la Turchia. Non aveva alcun collegamento con il Sudafrica o con qualsiasi altro paese del sud del continente africano. La paziente aveva una carica virale elevata al momento della diagnosi. Non era vaccinata, né era stata infettata in passato.

Per far fronte al Covid, in una situazione che il premier Alexander De Croo, in una conferenza stampa al termine di una nuova riunione di concertazione, ha definito “insostenibile”, in Blegio le discoteche richiudono i battenti, le feste private sono proibite, salvo matrimoni e funerali, e i ristoranti dovranno congedare gli ultimi clienti entro le 23. Le attività all’interno da lunedì potranno tenersi solo se da seduti e con il giusto distanziamento e le gare sportive all’interno potranno proseguire, ma senza pubblico.

Primo caso di variante sudafricana in Israele

Registrato il primo caso della nuova variante sudafricana nel Paese. Come riporta il Jerusalem Post, a essere contagiato è stato un uomo tornato in Israele dal Malawi. Sotto osservazione ci sono altri due casi, che potrebbero essere ricondotti alla nuova variante B.1.1.529: sono stati sequenziati geneticamente e ora le autorità sanitarie sono in attesa dei risultati. Tutti e tre i viaggiatori erano vaccinati. Le autorità, a partire da oggi, hanno vietato l’ingresso ai viaggiatori provenienti da Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia ed Eswatini, dopo la comparsa in quella regione della nuova variante B.1.1529.

Covid, ecco perché Israele teme una quinta ondata e ipotizza la quarta dose di vaccino

Contagi a Shangai, Pechino cancella 500 voli

La Cina ha cancellato centinaia di voli, chiuso scuole e sospeso le attività turistiche dopo la scoperta a Shanghai di alcuni casi di Covid-19. A pochi mesi dai Giochi olimpici invernali di Pechino, il Paese vuole limitare a tutti i costi i rischi di contaminazione, limitando drasticamente gli ingressi e i contatti, con quarantene obbligatorie, confinamenti e screening massicci. I viaggi sono rigorosamente monitorati tramite app. Tre amici, che avevano viaggiato insieme la scorsa settimana a Shanghai, sono risultati positivi, hanno comunicato le autorità locali: tutti erano già vaccinati. Sono stati quindi cancellati oltre 500 voli dai due aeroporti di Shanghai, sospesi tutti i viaggi di gruppi turistici verso la vicina città di Suzhou, dove si erano recati i tre contagiati, chiusi i siti turistici, un campus universitario messo in quarantena a Hangzhou dopo un caso di contatto. La Cina ha segnalato ieri 13 nuovi casi.

Germania, contagi fuori controllo

Picco di casi in Germania e maretta tra i politici perché l’attuale maggioranza ha approvato la nuova legge sull’emergenza pandemia che esclude lockdown generali. Anche Berlino da oggi vieterà la maggior parte dei viaggi dall’Africa meridionale. Lo ha annunciato il ministro della Sanità tedesco, Jens Spahn. Le nuove regole, che scattano da questa sera, riguarderanno il Sudafrica e “probabilmente le nazioni vicine”, ha affermato Spahn, con l’ingresso consentito solo ai cittadini tedeschi, che però dovranno osservare una quarantena 14 giorni all’arrivo anche se vaccinati.

L’Ue abolisce l’autorizzazione all’export dei vaccini 

“L’Ue sostituirà il meccanismo di autorizzazione all’esportazione dei vaccini contro il Covid-19, che scade il 31 dicembre di quest’anno, con un nuovo strumento di monitoraggio. Ciò significa che dal primo gennaio 2022 i produttori di vaccini non dovranno più richiedere un’autorizzazione per l’esportazione di vaccini al di fuori dell’Ue”, ha annunciato Dana Spinant, portavoce della Commissione europea, nel briefing quotidiano con la stampa. “La trasparenza delle esportazioni – ha aggiunto la portavoce – continuerà ad essere garantita attraverso questo nuovo meccanismo di monitoraggio che fornirà alla Commissione dati tempestivi e specifici sulle esportazioni di vaccini per ogni azienda”. “L’Ue – ha concluso la portavoce – è il più grande fornitore globale di vaccini” con “oltre 1,3 miliardi di dosi esportate finora da dicembre verso più di 150 Paesi”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source