Coronavirus Italia, il bollettino di oggi 15 luglio: 2455 nuovi casi e 9 morti

Pubblicità
Pubblicità

Coronavirus Italia, il bollettino di oggi 15 luglio: 2455 nuovi casi e 9 morti. Ieri i nuovi casi erano stati 2.153, mai così tanti dal 6 giugno, i decessi 23. Tasso di positività  all’1,3%.

Made with Flourish

VALLE D’AOSTA

 

TRENTINO

È un bollettino che conferma le preoccupazioni espresse dalle autorità sanitarie quello diffuso poco fa dall’Azienda provinciale per i servizi sanitari. Sono 23 infatti i nuovi contagi rilevati nelle ultime 24 ore e, segnale ancora più importante, gli ospedali tornano ad aprire le porte ai pazienti Covid, compreso il reparto di rianimazione. Nella giornata di oggi  – precisa la Provincia di Trento – sono stati analizzati 593 tamponi molecolari che hanno individuato 10 nuovi casi positivi e confermato anche 1 positività intercettata nei giorni scorsi dai test rapidi.
Questi ultimi sono stati 1.071 ed i soggetti colpiti dal virus risultano 13. Fra tutti i nuovi casi troviamo anche 1 piccolo di nemmeno 2 anni, ma anche 4 persone fra i 60 ed i 69 anni ed 1 over 70. Come accennato, sono 2 i pazienti ricoverati in ospedale: per 1 di questi è stato necessario ricorrere alle cure intensive. Questo mentre aumentano di altre 7 unità le guarigioni (totale 44.425) e le vaccinazioni arrivano a 511.313, di cui 204.443 seconde dosi. A cittadini Over 80 sono state somministrate 66.514 dosi, mentre in fascia 70-79 anni le dosi finora somministrate sono 87.710 e tra i 60-69 anni 100.090.

ALTO ADIGE

Continua a crescere in Alto Adige il numero delle persone attualmente positive al covid-19. I nuovi casi sono infatti 23 (13 tramite pcr e 10 tramite test antigenico), mentre sono solo 14 i nuovi guariti. Sale anche il numero delle persone in quarantena a 394 (+28).

PIEMONTE

In Piemonte sono 68 i nuovi casi positivi al Covid comunicati oggi dall’Unità di crisi della Regione. Il tasso è dello 0,5% rispetto ai 13.857 tamponi diagnostici processati (9.075 antigenici), la quota di asintomatici è pari al 45,6%. Nessun decesso, il totale delle vittime in Piemonte resta 11.699. Il numero dei ricoverati in terapia intensiva resta 4 (uguale a ieri), negli altri reparti 49 (-1). Le persone in isolamento domiciliare sono 785, i guariti 31 in più rispetto a ieri.

Made with Flourish

VENETO

Altra impennata di nuovi casi Covid-19 in Veneto, con 318 contagi in 24 ore, che portano il totale a 427.322 da inizio pandemia. Il bollettino regionale segnala anche un decesso, con il totale a 11.625. Crescono anche gli attuali positivi (+253) che sono 5.745. Negli ospedali è invariata la situazione nei reparti ordinari, dove i ricoveri sono 233, e crescono di 2 pazienti le terapie intensive (18).

LOMBARDIA

FRIULI VENEZIA GIULIA

Sono 21 i nuovi casi di Covid-19 rilevati oggi in Friuli Venezia Giulia, tra i quali due sono migranti giunti a Trieste, due sono persone rientrate dalla Spagna e si registrano anche tre positività nelle case di riposo. 18 contagi sono emersi da 4.409 tamponi molecolari e altri tre da 1.797 test rapidi. Nessun decesso, una ricoverata in terapia intensiva, 5 in altri reparti. A comunicare i dati aggiornati il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. I decessi legati al Covid finora in Friuli Venezia Giulia sono 3.789: 813 a Trieste, 2.012 a Udine, 671 a Pordenone e 293 a Gorizia. I totalmente guariti sono 103.162, i clinicamente guariti sei, mentre quelli in isolamento risultano essere 225. Le positività dall’inizio della pandemia sono 107.188: 21.244 a Trieste, 50.388 a Udine, 21.095 a Pordenone.

LIGURIA

Made with Flourish

EMILIA-ROMAGNA

TOSCANA

Sono 173 in più rispetto a ieri i nuovi casi positivi in Toscana, che portano a 245.342 i casi registrati dall’inizio della pandemia. I nuovi casi hanno un’età media di 34 anni: in particolare il 28% ha meno di 20 anni, il 36% tra 20 e 39 anni, il 24% tra 40 e 59 anni, l’11% tra 60 e 79 anni, appena l’1% 80 anni o più). Eseguiti 6.226 tamponi molecolari e 5.085 tamponi antigenici rapidi, di questi l’1,5% è risultato positivo. Sono invece 5.085 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 3,4% è risultato positivo. Oggi si registra un nuovo decesso, una donna di 74 anni residente nel territorio della provincia di Arezzo: in totale sono 6.897 i morti da inizio pandemia. In aumento le persone ricoverate: sono complessivamente 77, 6 in più rispetto a ieri, più 8,5%), 15 in terapia intensiva, 1 in più rispetto a ieri. Questi i dati diffusi dalla Regione Toscana. I guariti crescono dello 0,04% e raggiungono quota 236.878 (96,6% dei casi totali). Gli attualmente positivi sono oggi 1.567, +5,8% rispetto a ieri. Complessivamente, 1.490 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi (80 in più rispetto a ieri, più 5,7%). Sono 7.074 (3 in più rispetto a ieri, più 0,04%) le persone, anche loro isolate, in sorveglianza attiva, perché hanno avuto contatti con persone contagiate.
Riguardo alle singole province Firenze registra 50 casi in più rispetto a ieri, Prato 15, Pistoia 17, Massa Carrara 13, Lucca 13, Pisa 9, Livorno 3, Arezzo 20, Siena 12, Grosseto 21.

 

UMBRIA

LAZIO

Oggi su quasi 9mila tamponi nel Lazio (-806) e oltre 16mila antigenici per un totale di oltre 25mila test, si registrano 353 nuovi casi positivi (+145), piu’ che triplicati rispetto a giovedi’ scorso, un decesso (=), i ricoverati sono 105 (-16), le terapie intensive sono 25 (=), i guariti sono 190. Il rapporto tra positivi e tamponi e’ al 3,9% ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende allo 1,3%. I casi a Roma citta’ sono a quota 178. Lo rende noto l’assessore regionale alla Sanita’ Alessio D’Amato.

MARCHE

Nelle ultime 24 ore sono stati individuati nelle Marche 40 nuovi casi di Covid-19, il 3,3% rispetto ai 1.212 tamponi processati all’interno del percorso per le nuove diagnosi. Il rapporto positivi-test effettuati e’ sceso rispetto a ieri, quando era stato del 4,1%, con 60 casi su 1.460 tamponi. Il totale dei positivi individuati dall’inizio della crisi e’ salito a 104.147. Gli ultimi casi sono stati individuati 12 in provincia di Ancona, 7 in provincia di Macerata, 8 in quella di Pesaro-Urbino, 3 nel Fermano, 6 nel Piceno e 4 fuori regione. Questi casi comprendono 7 soggetti sintomatici, 12 contatti stretti con positivi, 16 contatti rilevati in ambiente domestico, 1 rilevato in ambiente di lavoro, 1 in ambiente di socialita’ e 1 extra regione; 2 casi sono in fase di approfondimento epidemiologico. (

Made with Flourish

ABRUZZO

Sono 50 i casi di Covid-19 rilevati oggi in Abruzzo e risultati dai 4.398 test eseguiti (2.466 tamponi molecolari e 1.932 test antigenici), con il totale dei contagi che, da inizio emergenza, sale a 75.285 (il totale risulta inferiore in quanto sono stati eliminati 2 casi, comunicati nei giorni scorsi, risultati già in carico ad altra Regione). I casi di oggi fanno riferimento a persone di età compresa tra 8 e 89 anni. Del totale dei casi positivi, 19.161 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+13 rispetto a ieri) 19.549 in provincia di Chieti (+11), 18.256 in provincia di Pescara (+14), 17615 in provincia di Teramo (+8), 589 fuori regione (+1) e 115 (+1) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 1 nuovo caso e sale a 2513 (si tratta di una 85enne della provincia di Teramo). Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 71.844 dimessi/guariti (+54 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 928 (-7 rispetto a ieri). Sono 24 i pazienti (-1 rispetto a ieri) ricoverati in ospedale in area medica; 1 (invariato rispetto a ieri con nessun nuovo ingresso) in terapia intensiva, mentre gli altri 903 (-6 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Da inizio emergenza sono stati eseguiti 1.222.832 tamponi molecolari e 538.791 test antigenici. Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 1.13 per cento.

MOLISE

CAMPANIA

Sono 234 i nuovi casi di coronavirus emersi ieri in Campania dall’analisi di 8.590 tamponi molecolari. Un decesso nelle ultime 48 ore. In Campania sono 12 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva e 195 i pazienti Covid ricoverati in reparti di degenza.

BASILICATA

In Basilicata ieri sono stati processati 698 tamponi molecolari: solo cinque sono risultati positivi al covid-19. E nelle ultime 24 ore sono state registrate le guarigioni di quattro lucani. Lo ha reso noto la task force regionale, evidenziando che il numero dei lucani attualmente positivi è di 564. Sempre nelle ultime 24 ore, in Basilicata, non è stato segnalato alcun decesso per covid-19: il totale delle vittime lucane è quindi fermo a 569. Le persone con il covid ricoverate negli ospedali lucani sono 10 (due in meno ieri), nessuna delle quali in terapia intensiva. Ieri, inoltre – secondo quanto reso noto dall’ufficio stampa della Giunta regionale – sono state effettuate 5.675 vaccinazioni mentre “sono 324.055 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (58,6 per cento) e 195.571 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (35,3 per cento) per un totale di somministrazioni effettuate pari a 519.626 su 553.254 residenti (dati portale Poste italiane)”.

PUGLIA

CALABRIA

SICILIA

SARDEGNA

Peggiora ancora, probabilmente a causa della maggiore circolazione della variante Delta, la curva epidemiologica per i contagi da Covid19 in Sardegna dove si assiste ad un incremento dei casi del 202,7% nella settimana dal 7 al 13 luglio rispetto a quella precedente quando si era arrivati ad un +22%. Una performance in peggioramento che è seconda solo al Molise con 271%. E’ quanto evidenzia il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe. In aumento per i casi attualmente positivi per 100.000 abitanti, che si attestano sui 159 da 143 del periodo precedente. Unico dato positivo arriva dagli ospedali: sotto soglia di saturazione i posti letto in area medica (anche se si passa dal 2% al 3% di occupazione di posti letto con pazienti Covid) e terapia intensiva , sempre sullo 0% (un solo paziente ricoverato in tutta l’Isola

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source