Coronavirus Italia, il bollettino di oggi 7 agosto: 6.902 nuovi casi e 22 morti

Pubblicità
Pubblicità

VALLE D’AOSTA

TRENTINO

Made with Flourish

ALTO ADIGE

I laboratori dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige nelle ultime 24 ore hanno effettuato 652 tamponi Pcr e registrato 20 nuovi casi positivi. Inoltre, sono stati effettuati 8.480 test antigenici, di cui 21 sono risultati positivi. Sono sette i pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri e altri due nei reparti di terapia intensiva. Due i pazienti in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes. Non ci sono stati nuovi decessi, per cui il numero complessivo dei vittime da inizio epidemia rimane stabile a 1.184. Attualmente sono 917 le persone in quarantena in Alto Adige.

PIEMONTE

Oggi l’Unità di crisi della Regione ha comunicato 170 nuovi casi (di cui 8 dopo test antigenico), pari allo 0,7% di 24.967 tamponi eseguiti, di cui 20.709 antigenici. Dei 170 nuovi contagi, gli asintomatici sono 82 (48,2%). I decessi restano 11.701, visto che il numero dei morti è invariato rispetto a ieri. I positivi sono così ripartiti: 29 screening, 102 contatti di caso, 39 con indagine in corso, 4 Rsa/Strutture Socio-Assistenziali. I ricoverati in terapia intensiva sono 5 (+1 rispetto a ieri), i pazienti in area medica ammontano a 85 (+4 nelle ultime 24 ore).
 

VENETO

Sono stati 682 i nuovi contagi, dato che porta il totale dei positivi a 441.102. Il bilancio conta anche una vittima, facendo salire a 11.647 i decessi. E’ Treviso la provincia con il numero maggiore di nuovi infetti, con 135 contagi, seguita da Verona a 132, Padova a 129, Vicenza a 103, Venezia a 95, Rovigo a 53, Belluno a 21. Sono 150 i ricoverati in area non critica, 18 quelli in terapia intensiva.

Made with Flourish

LOMBARDIA

FRIULI VENEZIA GIULIA

Oggi su 6.307 tamponi molecolari sono stati rilevati 96 nuovi contagi, con una percentuale di positività dell’1,52%. Sono inoltre 1.284 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 15 casi (1,17%). Il 50 per cento dei nuovi contagi riguarda persone al di sotto dei 29 anni. Oggi non si registrano decessi; due persone sono ricoverate in terapia intensiva (con una percentuale di occupazione dei posti letto dell’1,1), mentre i pazienti in altri reparti sono 20 (occupazione dell’1,6% dei posti letto).

Tra il personale del Sistema sanitario regionale si registra la positività di un tecnico, un amministrativo e due infermieri dell’Asufc e di un terapista della riabilitazione dell’Asfo. Tutti risultano aver completato il ciclo vaccinale da più di 14 giorni. Non sono stati invece rilevati casi tra gli operatori delle strutture residenziali per anziani presenti in regione così come non risultano esserci positivi tra gli ospiti delle stesse strutture né tra le persone rientranti dall’estero.

“Stiamo assistendo ad una fase di riduzione della velocità di incremento dei nuovi casi” ha spiegato l’assessore Riccardi. “L’indice di replicazione diagnostica (RDt), dopo il picco di 2,09 registrato tra il 22 e il 24 luglio, ha iniziato una fase discendente fino al valore odierno di 1,22. La curva dell’incidenza settimanale del Friuli Venezia Giulia, in effetti, presenta una minore pendenza e questa riduzione della velocità di incremento sembra più evidente nella provincia di Pordenone (che tuttavia è attualmente pari a 76 casi/100.000 abitanti)”.
 

LIGURIA

Sono 143 i nuovi positivi, a fronte di 3.179 tamponi molecolari e 5.624 test antigenici rapidi. Sono 58 i casi emersi ad Imperia, 12 a Savona, 42 a Genova, di cui 35 in Asl 3 e 7 in Asl4. Altri 27 contagi sono stati registrati a La Spezia, 4 sono non riconducibili a residenti in Liguria. Nelle ultime 24 ore, è stato calcolato 1 decesso di un 77enne: il totale dei morti tocca quota 4.367. Secondo il bollettino diffuso dalla Regione, sono 4 i ricoverati in più negli ospedali. Il dato complessivo è di 59 pazienti positivi al coronavirus con sintomi, di cui 15 in terapia intensiva. I guariti sono 88 in più (99.042 da inizio pandemia) e crescono di 34 unità i liguri in isolamento domiciliare, che al momento sono 1.472.
 

Made with Flourish

EMILIA-ROMAGNA

Ieri ci sono stati 685 nuovi positivi. Dall’inizio dell’epidemia si sono raggiunti in tutto 398.403 casi, su un totale di 33.245 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 2,1%. Si sono registrati 2 decessi: un uomo di 99 anni e una donna di 81 anni entrambi residenti in provincia di Rimini. Il totale dei morti sale così a 13.289. Dei 685 nuovi contagiati, 220 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 175 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 2066 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 33,2 anni. Sui 220 asintomatici, 113 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 3 attraverso gli screening sierologici, 33 tramite i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 1 con i test pre-ricovero. Per 70 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica. La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 138 nuovi casi e Rimini con 112; seguono Modena (102) e Reggio Emilia (77). Quindi Parma (61), Ferrara (51) e Piacenza (38);  poi Cesena (34) e Ravenna (32). Infine, Forlì (27) e il Circondario Imolese (13).

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 22 (dato invariato rispetto a ieri), 280 quelli negli altri reparti Covid (+17). Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 2 a Parma (+ 1 rispetto a ieri), 2 a Reggio Emilia (invariato rispetto a ieri), 4 a Modena (+1), 7 a Bologna (-1), 1 a Imola (invariato), 4 a Ferrara (invariato), 2 a Rimini (-1). Nessun ricovero a Piacenza, Ravenna, Forlì e Cesena.
 

TOSCANA

I nuovi casi  sono 714 su 19.010  test di cui 9.410 tamponi molecolari e 9.600 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 3,76% (9,6% sulle prime diagnosi). Rispetto a ieri il numero dei casi è minore (erano 734) mentre quello dei test effettuati è maggiore (erano 15.763) di conseguenza il tasso di positività è sceso (era 4,66%).

L’età media dei 714 nuovi positivi odierni è di 33 anni circa: il 27% ha meno di 20 anni, il 40% tra 20 e 39 anni, il 22% tra 40 e 59 anni, l’8% tra 60 e 79 anni, il 3% ha 80 anni o più. Oggi purtroppo si registra un altro decesso, una donna di 60 anni della provincia di Firenze, che porta il totale a 6.927. Sempre in crescita i ricoveri:  sono 249, 20 in più rispetto a ieri, di cui 25 in terapia intensiva, 3 in più. Questi i dati diffusi dalla Regione. Rispetto alle singole province Firenze registra 192 casi in più rispetto a ieri, Prato 41, Pistoia 78, Massa Carrara 24, Lucca 100, Pisa 65, Livorno 68, Arezzo 71, Siena 43, Grosseto 32.

UMBRIA

I nuovi casi di positività accertati nelle ultime 24 ore sono 142, emersi dall’analisi di 8.109 test (5.990 antigenici e 2.119 tamponi molecolari). Con il tasso di positività complessivo pari a 1,75 per cento.
Anche oggi, come ormai da circa un mese, non si registrano vittime. I guariti sono 74 e gli attualmente positivi salgono a 1.986 (68 in più di ieri). Balzo in avanti dei ricoveri: sono 25 secondo i dati della Regione aggiornati al 7 agosto, sei in più rispetto a ieri. Resta fermo a uno il posto occupato nelle terapie intensive.

LAZIO

“Oggi si registrano 638 nuovi casi positivi, compresi i recuperi (-124 rispetto a ieri) e un decesso, compresi i recuperi (-1). I ricoverati sono 381 (-16), le terapie intensive sono 54 (-). I casi a Roma città sono a quota 246. Osserviamo anche oggi una frenata del trend dei casi positivi (-83 su base settimanale). Rt in calo, incidenza costante, pressione sulla rete ospedaliera rimane bassa. Continua la frenata della variante delta nel Lazio”. Lo comunica in una nota l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato.
 

Made with Flourish

MARCHE

Nelle Marche 221 positivi rilevati (incidenza su 10mila abitanti di 77,39), due ricoverati in meno (49) e zero decessi (il totale resta 3.041) nelle ultime 24 ore. Dei contagi, 80 sono stati riscontrati in provincia di Macerata, seguita da Ancona (50), Fermo (43), Ascoli Piceno (18) e Pesaro Urbino (16); 12 i casi da fuori regione.

Alto il numero totale di tamponi giornalieri, 4.007: 2.631 nel percorso diagnostico di screening, 1.250 antigenici (40 positivi) e 1.376 nel percorso guariti con una percentuale di positività all’8,4%. Le persone con sintomi sono 38; i casi comprendono 72 contatti stretti di positivi, 56 contatti domestici, tre contatti in setting lavorativo e quattro in ambiente di vita/socialità.

Invariati i ricoveri in terapia intensiva (5) e semintensiva (8), due in meno in reparti non intensivi (36); due le persone dimesse. I positivi isolati a domicilio sono 2.697 (+159) e il totale di positivi (isolati più ricoverati) di 2.746 (+157), i dimessi/guariti sono 100.937 (+64) mentre le quarantene per contatto con positivi salgono a 4.010 (+94).

ABRUZZO

Sono 83 i nuovi casi di Covid-19
accertati nelle ultime ore in Abruzzo. Sono emersi dall’analisi di 2.170 tamponi molecolari: è risultato positivo il 3,82% dei campioni. L’incidenza settimanale dei contagi per centomila abitanti è a 43,1 (soglia limite 50). In aumento i ricoveri, che passano dai 42 di ieri ai 43 di oggi. Su base settimanale, la variazione delle ospedalizzazioni continua ad essere del +90%. Il tasso di occupazione dei posti letto è all’1% per le terapie intensive e al 3% per l’area medica, rispetto alle soglie da zona gialla rispettivamente del 10 e del 15%. Non si registrano decessi: il bilancio delle vittime è fermo a 2.515. I nuovi positivi hanno età compresa tra 2 e 100 anni. Gli attualmente positivi salgono a 1.711 (+51): 42 pazienti sono ricoverati in ospedale in area medica (+1) e uno è in terapia intensiva (invariato), mentre gli altri 1.668 sono in isolamento domiciliare (+50). I guariti sono 72.535 (+31). L’incremento più consistente di nuovi casi si registra nel Chietino (25), seguito dal Teramano (23), dal Pescarese (17) e dall’Aquilano (12); a questi numeri si aggiungono cinque persone residenti fuori regione.

MOLISE

CAMPANIA

Sono 610 i nuovi positivi. Sono stati effettuati 8.008 tamponi molecolari, 12.234 gli antigenici. Due i decessi nelle ultime 48 ore. Dei 656 posti letto di terapia intensiva disponibili, ne sono occupati 14, uno in più di ieri; dei 3.160 posti letto di degenza, compresi quelli privati, ne sono occupati 267, 10 in più di ieri.

Made with Flourish

BASILICATA

Sessantanove dei 1.168 tamponi analizzati in Basilicata nelle ultime 24 ore sono risultati positivi: lo ha reso noto la task force regionale nel bollettino quotidiano, che riporta in aumento anche il numero delle persone ricoverate in ospedale (da 22 a 23) e quello dei pazienti in terapia intensiva (da uno a due). I nuovi guariti sono 14, mentre sono 878 coloro che sono in isolamento domiciliare.

Dal punto di vista delle vaccinazioni, ne sono state somministrate 4.385: i lucani che hanno ricevuto la prima dose sono 364.980 (66 per cento) mentre quelli che hanno avuto anche la seconda sono 274.300 (49,6 per cento).

PUGLIA

Su 17.440 test eseguiti sono stati registrati oggi 360 casi, con un tasso di positività del 2%. E’ stato registrato un decesso in provincia di Brindisi. I nuovi casi infetti sono stati registrati: 63 in provincia di Bari, 45 in provincia di Brindisi, 58 nella provincia BAT, 30 in provincia di Foggia, 118 in provincia di Lecce, 38 in provincia di Taranto, 5 casi di residenti fuori regione, 3 casi di provincia di residenza non nota. I casi attualmente positivi sono 3.260.

CALABRIA

Sono 238 in più rispetto a ieri le persone positive al coronavirus, su 3.373 tamponi eseguiti. Rispetto a ieri scende il rapporto tra tamponi fatti e tamponi positivi (dal 7,52% al 7,06%). Dall’inizio dell’emergenza i decessi sono 1.266 (+1 rispetto a ieri), i guariti sono 68.015 (+130 rispetto a ieri), attualmente i ricoveri sono 78 (-2 rispetto a ieri) di cui 4 in terapia intensiva (-1 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi sono 2.778 (+107).

SICILIA

SARDEGNA

Sono 414 (cento in più rispetto a ieri) i nuovi casi di positività, su 3.378 persone testate, per un tasso di positività del 12,2%. Nelle ultime 24 ore si registrano anche due decessi: un uomo di 90 anni di Cagliari e una donna di 59 anni, residente nella Provincia del Sud Sardegna. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 20, (uno in meno rispetto a ieri), mentre i ricoverati in area medica sono 108 (+ 14 rispetto a ieri). Ammontano a 6.451 i casi di isolamento domiciliare (+268 rispetto a ieri).

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source