Coronavirus nel mondo, Covax: distribuito un miliardo di vaccini nel mondo, 49% della popolazione senza prima dose

Pubblicità
Pubblicità

Un miliardo di vaccini distribuito in 144 Paesi: questo l’obiettivo raggiunto e superato da Covax, il programma internazionale lanciato nel 2020 dall’Organizzazione mondiale per la sanità (Oms) per assicurare una diffusione più equa e vasta possibile dei vaccini anti-Covid specie nei Paesi più poveri. I responsabili del programma hanno comunque sottolineato che c’è ancora molta strada da fare sul fronte della battaglia contro la pandemia che deve essere condotta su scala mondiale. Il 49% della popolazione del Pianeta non ha infatti ancora ricevuto neanche una dose. L’obiettivo di Covax è di arrivare a vaccinare entro metà anno almeno la metà della popolazione mondiale

A Pechino il primo caso Omicron

Un caso di Omicron è stato rilevato a Pechino, dove si apriranno le Olimpiadi invernali il 4 febbraio, mentre il Paese combatte diversi focolai della variante altamente contagiosa del coronavirus. L’annuncio arriva dopo che Zhuhai, una città costiera di 2,4 milioni di abitanti nel sud-est del Paese, vicino a Macao, ha imposto restrizioni ai viaggi, a seguito della scoperta di sette casi di contagi da variante Omicron. Milioni di cinesi hanno ricevuto l’ordine di rimanere a casa nelle ultime settimane, dozzine di voli interni sono stati cancellati e intere fabbriche chiuse mentre le autorità cercano di arginare l’epidemia in vista delle Olimpiadi.

Cina, si moltiplicano i focolai. La variante Omicron minaccia la strategia “Covid zero” del governo

Per limitare i contagi e proteggere l’inaugurazione delle Olimpiadi, Pechino ha rafforzato le regole per gli ingressi. I viaggiatori dovranno sottoporsi a un test Covid entro 72 ore dall’arrivo nella capitale cinese. La nuova regola, in vigore dal 22 gennaio a fine marzo, dovrebbe agevolare il traccimdnto e renderlo più efficace. La capitale cinese richiede già ai viaggiatori in entrata di sottoporsi a un test entro 48 ore e di disporre di un codice verde sull’app di monitoraggio sanitario della città.
La città e la vicina provincia di Hebei ospiteranno le Olimpiadi, che inizieranno il 4 febbraio, all’interno di un “circuito chiuso” che separa gli atleti e altro personale dei Giochi dal pubblico in generale.

Xian, il peggiore focolaio di Covid in Cina dopo Wuhan nel 2020

Finora, casi locali della variante Omicron sono stati rilevati in almeno cinque province e comuni, spingendo le città a imporre limiti per fermarne la diffusione e minacciando di ridurre ulteriormente il rallentamento della crescita economica.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source