Coronavirus nel mondo: i contagi in Inghilterra iniziano a diminuire, ma la diffusione è ancora alta

Pubblicità
Pubblicità

Primi segnali positivi dopo l’ultimo lockdown in Inghilterra. Il numero di infezioni da COVID-19 sta iniziando a diminuire, anche se i casi non stanno diminuendo rapidamente e la prevalenza rimane molto alta, ha mostrato un ampio studio giovedì.

Mercoledì il primo ministro britannico Boris Johnson ha spiegato che il blocco del COVID-19 in Inghilterra durerà almeno fino all’8 marzo, deludendo ogni speranza che le scuole possano riaprire a Febbraio.

Lo studio dell’Imperial College di Londra ha rilevato che i numeri dei contagiati dal coronavirus sono al massimo dallo studio iniziato lo scorso maggio. Gli autori dello studio, noto come REACT-1, hanno affermato di aver scoperto che qualsiasi effetto del lockdown inglese, introdotto il 5 gennaio, è stato lento nell’abbassare il numero delle infezioni, con l’impatto non uniforme tra le regioni. “Sembra che stia scendendo negli ultimi giorni, quindi ne siamo scoraggiati”, ha detto ai giornalisti il ??professor Paul Elliott, direttore del programma presso l’Imperial, dopo che i risultati provvisori pubblicati la scorsa settimana non hanno trovato prove di declino nei primi giorni di blocco.
 

Coronavirus in Perù

Ha superato quota 40 mila in Perù il numero dei decessi legati al Covid-19 dall’inizio della pandemia, secondo l’università americana Johns Hopkins. Il Paese sudamericano da 33 milioni di abitanti ha registrato ufficialmente finora oltre 1,107 milioni di contagi da coronavirus, di cui quasi 1,023 milioni guariti.

Coronavirus In Messico

Mercoledì il ministero della Salute messicano ha segnalato 17.944 nuovi casi confermati di infezione da coronavirus e nuovi 1.623 decessi , portando il totale nel paese a 1.806.849 casi e 153.639 decessi. Il governo afferma che il numero reale di persone infette è probabilmente significativamente più alto dei casi confermati.
 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source