070154992 0d46c80c 6183 436c 8fc1 cb7e2378d70b

Coronavirus nel mondo, la variante Sudafricana trovata per la prima volta in Grecia

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

070154992 0d46c80c 6183 436c 8fc1 cb7e2378d70b

Made with FlourishVariante Sudafricana in Grecia

Un primo caso di contaminazione da parte della variante sudafricana è stato rilevato domenica in una chiesa di Salonicco, la seconda città greca per grandezza, lo riferisce l’Organizzazione nazionale della sanità pubblica (Eody).

iframe src=”https://public.flourish.studio/visualisation/1585164/embed” frameborder=”0″ marginheight=”0″ marginwidth=”0″ scrolling=”no” style=”width:100%;height:600px;”>

Made with Flourish

Ventimila nuovi casi in Francia, code alla frontiera con Ventimiglia

La Francia ha registrato quasi 20.000 nuovi casi di Covid-19 in 24 ore, mentre il numero di ricoveri e rianimazione è in aumento, secondo i dati ufficiali diffusi.  Lunghe code si sono registrate questa mattina al confine italo-francese di Ventimiglia, a causa dei controlli sulle certificazioni dei frontalieri e di chi chiunque altro debba espatriare con giustificata motivazione. A partire da oggi, l’ingresso nel territorio nazionale è permesso solo a chi è munito di test molecolare (Prc) da eseguire nelle settantadue ore precedenti l’arrivo in Francia. Il test antigenico non è accettato. Secondo quanto riportato dal ministero degli Esteri francese l’obbligo riguarda i viaggiatori, maggiori di 11 anni, che entrano da Paesi Ue (quindi anche l’Italia) e con qualsiasi mezzo. Sono esentanti dal presentare il tampone i lavoratori frontalieri, i trasportatori e i residenti nei territori confinanti entro trenta chilometri. Disagi, quindi, per i tanti frontalieri diretti al lavoro in Francia o nel Principato di Monaco, che si sono trovati imbottigliati nel traffico, dovendo ognuno di loro mostrare un giustificativo.

Israele, la rivolta degli ultraortodossi contro le norme anti-Covid

La Polinesia chiude ai turisti

I viaggi turistici nella Polinesia francese saranno sospesi da mercoledì 3 febbraio a causa dell’epidemia di Covid-19, ha annunciato lunedì il ministro d’Oltremare Sébastien Lecornu. D’ora in poi, si potrà arrivare nel Paese solo per motivi familiari, sanitari o professionali, accompagnati da documenti giustificativi anche se la pandemia è in flessione nel territorio. Dopo il picco a novembre, quando la comunità aveva uno dei tassi di incidenza più alti al mondo, questo tasso è sceso a 74 per 100.000 abitanti e attualmente si registrano solo dieci persone in terapia intensiva. Questa decisione assesterà un ulteriore colpo all’economia dell’arcipelago di cui il turismo, in grande difficoltà, è il principale settore di attività.

La Russia fornisce il vaccino Sputnik all’autoproclamata repubblica di Luhansk

La Russia ha fornito il vaccino Sputnik all’autoproclamata repubblica popolare di Luhansk, l’area dell’ Ucraina controllata dai ribelli

Australia, per un solo positivo a Perth due milioni di persone in lockdown

La scoperta di un singolo caso di coronavirus a Perth, il primo in 10 mesi, ha fatto scattare un blocco di cinque giorni nella città australiana e nelle aree limitrofe: due milioni le persone sono state poste in lockdown. Il rientro a scuola previsto per oggi è stato posticipato e i residenti potranno lasciare le loro abitazioni solo per necessità. La persona risultata positiva è un agente della sicurezza impiegato in un hotel per le quarantene, contagiato da un viaggiatore che si sospetta abbia contratto la variante britannica del coronavirus. “La nostra politica è quella di una risposta rapida e decisa per riprendere il controllo della situazione e non assistere allo sviluppo di focolai di contagio come abbiamo visto altrove nel mondo”, ha dichiarato Marco McGowan, primo ministro dello Stato. Bar e ristoranti sono stati chiusi e tutti i matrimoni sono cancellati. “Preferiamo un periodo di interruzione limitato a un lungo blocco”, ha detto McGowan, “stiamo cercando di sbarazzarci del virus il più rapidamente possibile”. I confini dell’Australia occidentale sono stati chiusi per la maggior parte del 2020, il che ha permesso alla popolazione di condurre una vita quasi normale. Il continente è stato colpito in modo limitato dalla pandemia, con meno di 29 mila contagi e appena 909 decessi.

Il treno di Mumbai riprende servizio dopo 11 mesi di blocco

Uno dei sistemi ferroviari urbani più trafficati del mondo, nella capitale finanziaria indiana Mumbai, è stato riattivato per tutti i pendolari, 11 mesi dopo essere stato fermato  per prevenire la diffusione della pandemia nella città. Circa otto milioni di persone utilizzavano quotidianamente questi treni prima della pandemia. “Da oggi, i pendolari regolari potranno viaggiare, ma solo nelle ore non di punta”, ha detto Sumit Thakur, portavoce delle Ferrovie occidentali ma solo se muniti di mascherina. Mumbai è stata una delle città più colpite dalla pandemia, registrando più di 300.000 casi e oltre 11.000 morti da marzo. L’India ha registrato il secondo numero più alto al mondo di casi di coronavirus nel mondo, ma il suo conteggio giornaliero dei casi è diminuito drasticamente negli ultimi mesi. Nelle ultime 24 ore, ci sono stati  oltre 11.400 casi di Covid, ha detto lunedì il ministero della Salute, portando il numero totale di casi a 10,7 milioni e di morti a più di 154 mila.

In Messico 462 vittime

Il ministero della salute messicano ha riportato 462 nuovi decessi accertati da Coivid, portando il totale nel paese a oltre 158mila decessi.



Go to Source