Corsica, morto Yvan Colonna. La rabbia degli indipendentisti

Pubblicità
Pubblicità

Yvan Colonna, il militante indipendentista corso condannato all’ergastolo per l’assassinio del prefetto Claude Erignac nel 1998, è morto ieri sera a Marsiglia, nel sud della Francia, 3 settimane dopo essere stato aggredito in carcere ad Arles da un altro detenuto, un jihadista. La notizia ha scatenato una serie di manifestazioni e violenze nell’isola. Colonna è morto dopo 3 settimane di coma.

Corsica, si infiammano le proteste dopo il ferimento in carcere dell’ex leader indipendentista Yvan Colonna

I messaggi si sono moltiplicati anche sui social. “Yvan Colonna, morto per la Corsica”, ha postato, sempre in corso su Twitter, Core in Fronte, il principale partito indipendentista, accompagnando il messaggio con una foto in bianco e nero del militante nazionalista.

All’annuncio della morte, alcune decine di persone si sono riunite a Bastia davanti al Palazzo di Giustizia, appendendo striscioni con lo slogan “Statu francese assassinu”. Ad Ajaccio, davanti alla cattedrale, in silenzio, si sono radunati gruppi di persone. Messaggio minaccioso dall’associazione per la difesa dei prigionieri politici corsi Sulidarita, che ha twittato “Abbasso questo stato francese assassino”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source