Covid, cabina di regia: verso il Green Pass obbligatorio anche per studenti e docenti universitari

Pubblicità
Pubblicità

Obbligo di Green Pass anche per gli studenti universitari, alla ripresa dell’anno accademico. È l’orientamento che emerge dalla cabina di regia che si è svolta a Palazzo Chigi. L’obbligo varrà per i professori universitari, come per tutto il personale scolastico, e anche per gli studenti degli atenei.

Oggi, dunque, è il giorno in cui il governo dà la linea sul Green Pass, che da domani diventerà obbligatorio per alcune attività al chiuso.

Si è conclusa a Palazzo Chigi la cabina di regia con i vertici del Cts, Franco Locatelli e Silvio Brusaferro, assieme ai capi delegazione dei partiti. A seguire – in videoconferenza – l’incontro tra governo e Regioni sulle misure del nuovo decreto legge. Per l’esecutivo sono presenti i ministri Gelmini, Speranza, Giovannini e Bianchi.

Il tema lavoro non è stato discusso in attesa del tavolo con le parti convocato per domani dal ministro Andrea Orlando. Per quel che riguarda la scuola, invece, si va verso l’obbligatorietà di vaccinazione del personale scolastico per garantire alle classi una ripartenza in presenza e in sicurezza. Sul fronte trasporti, l’intenzione è di richiedere il Green Pass da settembre a chi utilizzar aerei, treni e bus a lunga percorrenza.

La lotta al Covid e le mosse del governo: ospedali in sicurezza. Per l’autunno si pensa alla terza dose

A seguire, poi, la palla passerà al Consiglio dei ministri, il cui scopo è quello di mettere a punto un nuovo decreto con le regole sul certificato verde. La decisione assunta in seno alla cabina di estendere il Green Pass obbligatorio anche

Ieri la Piattaforma nazionale-Dgc per l’emissione delle certificazioni verdi Covid-19 registrava 61 milioni di certificazioni verdi emesse dal suo avvio, con quasi 48,3 milioni di queste già scaricate dai cittadini attraverso i diversi canali.

Le critiche di Meloni

“Questo gioco di non mettere l’obbligo per non assumermi la responsabilità, ma poi lo metto di fatto perché se no non puoi uscire di casa, francamernte lo trovo ipocrita”. Lo ha detto la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni  A Milano in piazza duca d’Aosta per sostenere il candidato sindaco, Luca Bernardo, rispondendo ai giornalisti che le hanno fatto notare che, per qualcuno, il Green Pass è un obbligo mascherato di vaccinazione. “È così – ha detto –  e credo ci sia una ragione per la quale il governo fa questo: uno può assumersi la responsabilità di introdurre un obbligo vaccinale, quello che a me non torna è mettere un obbligo vaccinale di fatto senza assumersi la responsabilità di metterlo”. “La differenza è che se il governo mette l’obbligo vaccinale poi deve rispondere di eventuali problemi, mentre quando andiamo a vaccinarci firmiamo lo scarico di responsabilita’”, ha concluso Meloni.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source