Covid, governo verso l’estensione illimitata del Green Pass per chi ha il booster

Pubblicità
Pubblicità

Palazzo Chigi verso l’estensione della durata del Green Pass per chi ha effettuato tutto il ciclo vaccinale, compresa cioè la dose booster. L’ipotesi, già avanzata nei giorni scorsi, è quella più accreditata anche se nessuna decisione verrà ufficializzata prima dell’elezione del Capo dello Stato.

Entro febbraio occorre infatti risolvere il problema della progressiva scadenza delle certificazioni verdi di chi ha già fatto il booster, fragili, immunodepressi e personale sanitario rimarrebbero scoperti già dai primi di marzo. E in attesa che Aifa ed Ema si pronuncino sull’opportunità di una quarta dose, ed eventualmente in che tempi, tocca comunque prendere una decisione. L’idea dunque è quella di sganciare la durata del certificato verde per chi ha completato il ciclo vaccinale da una limitazione di nove o sei mesi.

Entro la fine della settimana, il governo dovrà anche decidere se cambiare le modalità di accesso in Italia per chi arriva dall’estero. In questo momento, anche ai vaccinati, è richiesto un tampone negativo ma adesso l’Unione europea ha reiterato la raccomandazione a tutti gli Stati membri a non introdurre ulteriori limitazioni, come il tampone o addirittura la quarantena, a chi è dotato di Green Pass base. L’Italia dovrà dunque decidere entro il 31 gennaio ( data di scadenza dell’ordinanza) se continuare a chiedere il tampone aggiuntivo o se ( come appare più probabile) adeguarsi alla raccomandazione Ue.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source