Covid, Iss: in un mese 64% ricoveri intensive e 45% decessi tra No Vax

Pubblicità
Pubblicità

ROMA – Nell’ultimo mese il 64,0% dei ricoveri in terapia intensiva e il 45,3% dei decessi sono avvenuti tra chi non hanno ricevuto alcuna dose di vaccino contro il Covid. A mettere nero su bianco i nuovi dati è il Report di sorveglianza dell’Istituto superiore di sanità (Iss), che completa il monitoraggio settimanale. Nel periodo che va dall’8 ottobre al 7 novembre di quest’anno, rileva l’Iss, nelle terapie intensive sono state ricoverate 424 persone non vaccinate su un totale di circa 8 milioni di non immunizzati in Italia, e 177 ricoverati vaccinati con il ciclo completo da meno di 6 mesi su 39 milioni di vaccinati con doppia dose.

Covid, il monitoraggio settimanale: sale ancora l’incidenza dei casi ma l’Rt è stabile a 1,21

Negli ultimi 30 giorni, si legge sempre nel Report, sono stati notificati 50.564 casi di Covid-19 (39,9%) fra i non vaccinati, 3.980 casi (3.1%) fra i vaccinati con ciclo incompleto, 60.407 casi (47,7%) fra i vaccinati con ciclo completo entro sei mesi, 11.215 (8,9%) fra i vaccinati con ciclo completo da oltre sei mesi e 537 casi (0,4%) fra i vaccinati con ciclo completo con dose booster.

Mentre il 51,0% delle ospedalizzazioni, il 64,0% dei ricoveri in terapia intensiva e il 45,3% dei decessi sono avvenuti tra coloro che non hanno ricevuto alcuna dose di vaccino. Ricoverati in terapia intensiva, di contro, 14 persone (2,1%) tra i vaccinati con ciclo incompleto; 177 casi (26,7%) tra vaccinati con ciclo completo entro 6 mesi; 45 casi (6,8%) tra vaccinati con ciclo completo da più di 6 mesi e 2 casi  (0,3%) tra vaccinati con ciclo completo più dose aggiuntiva.

Il direttore dell’Aifa Magrini: “Il Green Pass ci mette già al sicuro, l’obbligo non ci servirà”

Ed emerge anche un altro dato per quanto riguarda la vaccinazione: la protezione per chi ha fatto la doppia dose da più di sei mesi cala dal 95% all’82%. “Dopo 6 mesi dal completamento del ciclo vaccinale – afferma l’Iss – si osserva una forte diminuzione dell’efficacia vaccinale nel prevenire le diagnosi in corrispondenza di tutte le fasce di età”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source