Site icon Notizie italiane in tempo reale!

Covid, Iss: ospedalizzazione dei non vaccinati 7 volte più alta. E cresce l’incidenza dei casi tra bambini

Nell’ultima settimana è aumentata l’incidenza dei contagi da Covid fra i bambini nella fascia 0-9 con un’incidenza leggermente superiore a 50 casi per 100.000 abitanti per la prima volta da inizio maggio. A fotografare l’andamento del virus è il rapporto di sorveglianza integrata settimanale dell’Istituto superiore di sanità, secondo cui “in linea con quanto osservato nella settimana precedente”, l’incidenza nella fascia di età 10-19 è pari a 156 per 100.000 abitanti, nella fascia 20-29 è pari a 146 per 100.000 abitanti e nelle fasce 30-39 e 40-49 è pari rispettivamente a 79 e 56 per 100.000 abitanti.

Il rapporto poi mette l’accento sul tasso di ospedalizzazione che, negli ultimi 30 giorni per i non vaccinati è stato oltre sette volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo (52 contro 7 ricoveri per 100.000 abitanti).

L’effetto paradosso

Nel rapporto viene poi affrontato e spiegato come nel momento in cui le vaccinazioni nella popolazione raggiungono alti livelli di copertura, si verifica il cosiddetto effetto paradosso che non rappresenta più la copertura effettiva vaccinale poiché “il numero assoluto di infezioni, ospedalizzazioni e decessi può essere simile tra vaccinati e non vaccinati, per via della progressiva diminuzione nel numero di questi ultimi”. E fra gli over 80, con copertura vaccinale al 90%, il numero di ospedalizzazioni fra vaccinati con ciclo completo è pari a 294 e mentre nei non vaccinati è leggermente più basso, pari a 220, ma il gruppo dei non vaccinati in questa fascia di età è ovviamente molto più esiguo (il 10% del totale).



Go to Source

Exit mobile version