Covid Italia, bollettino del 30 aprile: 53.602 casi e 130 morti, tasso cala al 14%

Pubblicità
Pubblicità

Nelle ultime 24 in Italia si sono registrati

Iss, mortalità non vaccinati fino a 9 volte maggiore rispetto a chi ha avuto booster

 Il tasso di mortalità per Covid-19 in Italia è di  nove volte maggiore nei non vaccinati rispetto ai vaccinati con tre dosi (le due del ciclo completo più la dose booster) e di quattro volte maggiore rispetto ai vaccinati con due dosi. Lo indica il rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) su ‘Sorveglianza, impatto delle infezioni ed efficacia vaccinale’ relativo all’epidemia di Covid-19″, aggiornato al 27 aprile.

Bassetti: “Di variante Omicron 4 si sa poco ma non sarà diversa dalle altre”

“In autunno Sars-Cov-2 tornerà a rialzare la testa, come ha fatto negli ultimi due anni perché ormai è tra di noi, ma se continueremo a fare le dosi di richiamo di vaccino a chi lo vorrà, spero il più alto numero di persone possibile, è ragionevole pensare che non avremo un impatto pesante come nel 2020 e nel 2021, cioè come nelle prime tre ondate. Per questo niente pessimismo ma consapevolezza di quello che abbiamo vissuto”. Così Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova. Per il medico, della nuova sottovariante di
SarS-CoV-2 Omicron 4 “al momento sappiamo ancora poco ma credo che possiamo affermare non sia molto diversa dalle altre precedenti. Quindi probabilmente sarà più contagiosa ma non credo più letale, più patogenetica e più aggressiva”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *