Covid Italia, il bollettino dell’8 gennaio: 197.552 nuovi casi e 184 morti. Figliuolo: triplicate prime dosi per over 50

Pubblicità
Pubblicità

Nelle ultime 24 ore i nuovi casi di coronavirus sono stati 197.552 e 184 le vittime. Ieri i contagi erano stati 108.304, i morti 223.

Sono stati fatti 1.220.266 di tamponi, tra test antigenici e molecolari. Ieri, di domenica, i tamponi registrati erano stati 492.172. Il tasso di positività dunque scende al 16,2% contro il 22% di ieri.

Aumentano i ricoveri sia nei reparti ordinari che nelle terapie intensive. I pazienti nelle aree mediche sono ora 14.930 (339 in più di ieri) mentre quelli in rianimazione sono 1.557 (58 più di ieri).

Intanto si vede l’effetto dell’ultimo decreto. Nella giornata di venerdì 7 gennaio sono state somministrate 65 mila prime dosi di vaccino, un valore del 60% superiore rispetto alla media giornaliera registrata nella settimana precedente (31 dicembre – 6 gennaio). E con riferimento alla fascia di età over 50, quella interessata dall’obbligo vaccinale, il dato di ieri – pari a 15.239 – rappresenta il triplo di quello medio registrato nei sette giorni precedenti, pari a circa 5.500 prime somministrazioni al giorno. A renderlo noto è la struttura del commissario per l’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo.

VALLE D’AOSTA

Tasso di positività che supera il 20% e nuovo boom di contagi. I nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore sono stati 682, ma ben 426 guariti hanno fatto aumentare di 256 gli attuali positivi, che superano per la prima volta i 4.500 E arrivano a 4.527. I tamponi refertati sono stati 3.444. La situazione dei ricoveri all’ospedale regionale umberto parini è in lieve aumento: sono 48, uno più della giornata precedente, dei quali 42 nei reparti ordinari (stabili) e sei (erano cinque) in terapia intensiva; non si sono registrati nuovi decessi. I numeri sono contenuti nel bollettino di aggiornamento quotidiano diffuso dalla regione, sulla base dei dati dell’usl elaborati dalla protezione civile.

TRENTINO

Due decessi e contagi in crescita in Trentino, dove i nuovi positivi sono 3.046 su 17.400 tamponi circa. I ricoveri ospedalieri complessivamente 128, a fronte di 21 dimissioni e 19 ricoveri nelle ultime 24 ore. In rianimazione ci sono 24 persone. “Il rischio di zona arancione ad oggi non c’è perché la soglia è 150 ospedalizzazioni e oggi siamo a 104, un dato sostanzialmente stabile”, ha detto il governatore Maurizio Fugatti in conferenza stampa.

ALTO ADIGE

Un decesso (1.319 in totale da inzio pandemia), 219 casi positivi da tampone molecolare pcr e 2.010 test antigenici positivi: questa la situazione fotografata nelle ultime 24 ore dai laboratori dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige. I pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 76, quelli ricoverati nelle strutture private convenzionate (postacuti) 56, mentre in isolamento a Colle Isarco ci sono 48 persone. I ricoverati in reparti di terapia intensiva sono 18. Inoltre, scrive l’Alto Adige, tre bambini sani – dai 6 agli 11 anni – sono ricoverati in ospedale per complicanze da Covid, che avevano superato senza presentare sintomi. Uno di loro – precisa il quotidiano – è stato trasferito d’urgenza in Rianimazione pediatrica a Padova con problemi cardiaci e renali.

PIEMONTE

Sono 18.110 i nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 emersi in Piemonte da ieri, di cui 16.019 dopo test antigenico. I contagiati sono pari al 18,3% di 99.675 tamponi eseguiti, di cui 86.221 antigenici. Dei 18.110 nuovi casi gli asintomatici sono 13.246 (72,7%). É quanto rende l’unità di crisi della Regione Piemonte.

 

VENETO

Sono +21.056 i nuovi casi di Covid registrati in Veneto nelle ultime 24 ore. Emerge dai dati aggiornati del report della Regione. Ventuno i decessi. Il totale dei casi positivi in Veneto sale così a 749.781 mentre sono 172.661 gli attualmente positivi. I ricoverati positivi sono 41 in più in area non critica e sette in più in terapia intensiva. Il totale dei ricoverati positivi al Covid in area non critica sale quindi a 1.362 persone, mentre complessivamente i positivi in terapia intensiva sono 195.

LOMBARDIA

Sono 48.808 i nuovi positivi al Covid registrati in Lombardia nelle ultime 24 ore e 20 i decessi, portando così a 35.656 il numero di vittime dall’inizio della pandemia. Il numero di tamponi effettuati è di 236.276, mentre il rapporto test/positivi si attesta al 20,6%. Salgono i ricoveri nella terapia intensiva: sono 237 (+12) mentre i pazienti ricoverati con sintomi sono 2.607.

FRIULI VENEZIA GIULIA

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 10.443 tamponi molecolari sono stati rilevati 1.602 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 15,34%. Sono inoltre 18.918 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 2.962 casi (15,65%). Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 35 mentre i pazienti ospedalizzati in altri reparti sono 335. Lo ha comunicato il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi. Per quanto riguarda l’andamento della diffusione del virus tra la popolazione, la fascia d’età più colpita è quella tra 0 e 19 anni (18,82%), seguita da quella tra 20 e 29 anni (17,29%), da quella tra 40 e 49 anni (16,83%) e da quella tra 50 e 59 anni (16,65%). Nella giornata odierna si registrano i decessi di 6 persone: una donna di 87 anni di Pordenone (deceduta in ospedale), un uomo di 83 anni di Trieste (deceduto in ospedale), un uomo di 82 anni di Latisana (deceduto in ospedale), una donna di 80 anni di Trieste (deceduta in ospedale), un uomo di 74 anni di Campoformido (deceduto in Rsa) e una donna di 72 anni di Duino Aurisina (deceduta in ospedale). I decessi complessivamente sono stati 4.275. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 178.469 persone.

Made with Flourish

LIGURIA

Aumentano ancora gli ospedalizzati in Liguria che oggi sono 706, 22 più di ieri, di cui 43 in terapia intensiva (3 più di ieri). Di questi ultimi 32 sono non vaccinati. Il maggior numero di nuovi ricoveri si registra al Policlinico S.Martino (18). Al Pediatrico Gaslini sono ricoverati 28 bambini (4 più di ieri) , uno dei quali è in Intensiva. E prosegue l’incremento dei nuovi positivi: sono 2.423 in più rispetto a ieri a fronte di un numero eccezionale di tamponi e test antigenici (8.335 tamponi molecolari e 19.676 test antigenici rapidi, pari a oltre 28 mila test nelle 24 ore). Il maggior numero di nuovi positivi si riscontra a Genova (964), Imperia (485), La Spezia (378), Tigullio (309) e Savona (269). 18 nuovi positivi non sono residenti in Liguria. Oltre 27.500 persone sono a casa, in isolamento domiciliare o in sorveglianza attiva. I decessi segnalati sono 9 e sono avvenuti tra il 1^ e il 7 gennaio. Si tratta di pazienti di età compresa tra i 93 e gli 80 anni. Nelle ultime 24 ore sono state somministrate 15.460 dosi di vaccino. A oggi, le dosi booster somministrate sono 533.625.

EMILIA-ROMAGNA

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 659.235 casi di positività, 14.901 in più rispetto a ieri, su un totale di 68.271 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è quindi del 21,8%. I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 144 (+4 rispetto a ieri); l’età media è di 61,5 anni. Sul totale, 111 non sono vaccinati (zero dosi di vaccino ricevute, età media 60,3 anni), il 79,2%, mentre 33 sono vaccinati con ciclo completo (età media 65,7 anni). Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 1.873 (+25 rispetto a ieri), età media 68,7 anni. Rispetto ai 17.119 nuovi casi registrati ieri, i contagi oggi registrano un -13%. I ricoverati nei reparti Covid aumentano dell’1,4%, quelli delle terapie intensive del 2,9%. Sui 14.901 nuovi positivi, 10.010 sono asintomatici. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 37,5 anni. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 32.732 tamponi molecolari, per un totale di 7.490.811. A questi si aggiungono anche 35.539 test antigenici rapidi. Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 2.820 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 460.932. I casi attivi, cioè i malati effettivi, oggi sono 183.941 (+12.054). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 181.924 (+12.025), il 98,9% del totale dei casi attivi. Si registrano 27 decessi. In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 14.362. 

TOSCANA

Complessivamente ci sono 202.236 persone in isolamento a casa in Toscana causa il Covid: 162.896 perchè positive con sintomi lievi o prive di sintomi (12.394 in più rispetto a ieri, più 8,2%), altre 39.340 (998 in più rispetto a ieri, più 2,6%) in sorveglianza attiva perché contatti di contagiati. Sono 15.892 in più rispetto a ieri i nuovi casi positivi in Toscana (4.470 confermati con tampone molecolare e 11.422 da test rapido antigenico), che portano a 486.482 i casi registrati dall’inizio della pandemia. I nuovi casi hanno un’età media di 38 anni circa: 21% ha meno di 20 anni, 28% tra 20 e 39 anni, 35% tra 40 e 59 anni, 13% tra 60 e 79 anni, 3% ha 80 anni o più. Purtroppo si registrano 8 nuovi decessi – 5 uomini e 3 donne con un’età media di 76,8 anni – che portano il totale a 7.638. I ricoveri sono sempre in aumento: le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 1.107, 41 in più rispetto a ieri (più 3,8%), di 113 in terapia intensiva, 5 in più rispetto a ieri (più 4,6%). I guariti crescono dell’1,1% e raggiungono quota 314.841 (64,7% dei casi totali). Gli attualmente positivi sono oggi 164.003, +8,2% rispetto a ieri.

UMBRIA

Fanno registrare 14 ricoveri in più e un’altra vittima i dati giornalieri della Regione sull’andamento della pandemia in Umbria, aggiornati a sabato 8. I ricoverati negli ospedali umbri sono ora 204, il 7,4 per cento in più in un giorno. I posti occupati in terapia intensiva sono 12 (quattro in più). Le vittime salgono complessivamente a 1.522: sono 18 dall’inizio del nuovo anno. Nelle ultime 24 ore sono state certificate 1.663 guarigioni ed i nuovi contagi accertati sono 3.775. Gli attualmente positivi salgono a 34.014 (più 6,6 per cento). Si trovano in isolamento contumaciale 38.810 umbri. Nell’ultimo giorno sono stati analizzati 20.593 test antigenici e 5.922 tamponi molecolari. Il tasso di positività sul totale è pari a 14,23 per cento (era 23,2 ieri e 15 per cento il 6 gennaio).

Made with Flourish

LAZIO

“Oggi nel Lazio su 29.341 tamponi molecolari e 83.610 tamponi antigenici per un totale di 112.951 tamponi, si registrano 14.850 nuovi casi positivi (+2.945), sono 6 i decessi (-5), 1.400 i ricoverati (+27), 191 le terapie intensive (+1) e +1.662 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 13,1% e i casi a Roma città sono a quota 7.773”. Lo comunica in una nota l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

 

MARCHE

Sono 2.318 i nuovi positivi al coronavirua rilevati nelle Marche nell’ultima giornata (ieri 1.033 ma con meno tamponi esaminati) e l’incidenza che torna a salire a 761,75 (ieri 715,19) su 100mila abitanti. I nuovi casi rappresentano una positività del 17,3% su 13.408  tamponi processati nel percorso diagnostico screening (totale tamponi 17.280, a cui si aggiungono oltre 9.000 test antigenici).  La provincia di Ancona si conferma come la più interessata dal contagio con  913 casi, seguita da Ascoli Piceno con 395, Macerata con 336, Pesaro Urbino con 324, Fermo con 244 e 106 casi fuori regione. Il virus continua a circolare soprattutto nelle fasce di età 25-44 anni (703 casi) e 45-59 (565 casi). Sono 497 i casi nelle fasce di età da zero a 18 anni. Secondo l’Osservatorio Epidemiologico Regionale, per quello che riguarda l’incidenza, l’andamento del contagio procede “come da previsione, nel range stimato di casi”, ma “si nota un aumento dell’incidenza  nella classe di età 6-10 anni”, Sempre per incidenza le Marche sono al 18/o posto in Italia, al 16/o per i ricoveri in area medica e al quarto posto per le terapie intensive, dove si nota “una tendenza ad un leggero plateau”. Terapie intensive dove l’83% dei pazienti non è vaccinato, il 17% lo è con 2/3 dosi”. Nell’ultima giornata sono 546 i soggetti con sintomi, per 553 casi sono in corso approfondimenti epidemiologici. E rispuntano dopo la pausa festiva i positivi in setting scolastico/formativo: 16.

ABRUZZO

Sono 4 decessi per coronavirus, di età compresa tra 36 e 87 anni, oggi in Abruzzo. Si tratta di una persona della provincia dell’Aquila, 2 della provincia di Pescara e 1 decesso risale ai giorni scorsi e solo oggi è stato comunicato. Oggi in regione sono 5.479 i nuovi positivi, di cui 4.450 emersi dai test antigenico, di età compresa tra 1 mese e 103 anni. Sono stati eseguiti 7.422 tamponi molecolari e 37.981 test antigenici. Dall’iniziodella pandemia sono 88.990 i guariti dal virus  sono 44.265 attualmente i positivi (5.282 in più da ieri). Sono 282 ricoverati in area medica (13 in più da ieri), 27 in terapia intensiva (2 in più da ieri). Sono 43.956 in isolamento domiciliare  5.267 in più da ieri con sorveglianza attiva da parte delle Asl. I nuovi positivi  residenti nell’aquilano sono 976 in più da ieri, in provincia di Chieti sono 1.617 in più da ieri), in provincia di Pescara  sono 1.123 in più da ieri), nel teramano sono 1.506 in più da ieri). Risiedono fuori regione altri 108 positivi presenti in Abruzzo. Sono in fase di accertamento sulla residenza altre 148 persone.

MOLISE

CAMPANIA

Sono 13.364 in Campania, nelle ultime 24 ore, i casi positivi al Covid su 119.138 test esaminati; in calo l’indice di contagio che passa dal 16,91% di ieri all’11,21% di oggi. Nove i decessi nelle ultime 48 ore. Aumentano i ricoverati nelle terapie intensive – lai disponibilità dei posti letto in questa area da ieri ha raggiunto la cifra di 702 unità – che sono 74 (più 4 rispetto al dato precedente). In crescita anche i ricoveri in degenza dove i posti letto occupati sono 961 (più 32).

Made with Flourish

BASILICATA

In Basilicata è stato registrato un lieve calo dei contagi: 767 dei 2.631 tamponi molecolari esaminati ieri sono risultati positivi al covid-19 (due giorni fa erano stati 988 su 2.245). Lo ha reso noto la task force lucana, segnalando anche tre decessi e altre 172 guarigioni di persone residenti in regione. Le persone ricoverate con il covid-19 negli ospedali lucani sono 70 (sei in meno di ieri), delle quali due in terapia intensiva, al San Carlo di Potenza. Ieri, in Basilicata, sono state effettuate 7.774 vaccinazioni, il massimo dall’inizio della pandemia. I lucani che hanno ricevuto la prima dose sono 448.094 (81%), mentre quelli che hanno avuto anche la seconda sono 414.584 (74,9%). Hanno ricevuto la terza dose 190.810 (34,5%).

PUGLIA

Oggi in Puglia si registrano 8.980 nuovi casi su 86.747 test (10,3% incidenza) e 15 decessi (ieri erano stati 5). La maggioranza dei casi è stata individuata in provincia di Bari (3.340), seguono le province di Lecce (1.953), Foggia (1.135), Taranto (996), Bat (717), Brindisi (699). Riguardano residenti fuori regione altri 108 casi mentre per 32 contagi la provincia di appartenenza è in via di definizione. Delle 57.850 persone attualmente positive 430 sono ricoverate in area non critica (ieri 408) e 39 in terapia intensiva (ieri 34).

CALABRIA

Sono 2.576 in più, rispetto a ieri, le persone risultate positive al coronavirus in Calabria su 17.648 tamponi eseguiti. In Calabria finora sono stati effettuati 1.757.925 tamponi, finora le persone risultate positive al coronavirus sono 125.598 (ieri erano 123.022). Lo rende noto la Regione nel bollettino quotidiano dei dati relativi al Covid: rispetto a ieri sale il rapporto tra tamponi fatti e tamponi positivi (dal 13,86% al 14,60%). Dall’inizio dell’emergenza i decessi sono 1.664 (+6 rispetto a ieri), i guariti sono 97.161 (+439 rispetto a ieri), attualmente i ricoveri sono 395 di cui 363 in area medica (-10 rispetto a ieri) e 32 in terapia intensiva (dato invariato rispetto a ieri). Gli attualmente positivi sono 26.773 (+2.131).

SICILIA
 

SARDEGNA

In Sardegna si registrano oggi 1080 ulteriori casi confermati di positività al Covid, sulla base di 5000 persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 22646 tamponi. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 25 (3 in più di ieri). I pazienti ricoverati in area medica sono 188 (8 in più di ieri). I casi di isolamento domiciliare sono 14321 (788 in più di ieri). Non si registrano decessi.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source