Covid Italia, il bollettino di oggi 30 marzo 2022: 77.621 casi e 170 morti

Pubblicità
Pubblicità

Nelle ultime 24 ore in Italia ci sono stati 77.621 casi e 170 morti. Ieri i contagi erano stati 99.457 e 177 i decessi.

Sono 524.899 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati, ieri erano stati 660.708. Il tasso di positività è al 14,8%, in lieve calo rispetto al 15% di ieri. Sono 481 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 6 in meno di ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 50. I ricoverati nei reparti ordinari sono 9.871,  (ieri 9.740) ovvero 131 in più rispetto a ieri.

Agenas: occupazione dei reparti al 15%, sale in 10 Regioni

Nelle ultime 24 ore, l’occupazione dei posti nei reparti ospedalieri di “area non critica” da parte di pazienti Covid è ferma al 15% in Italia (un anno fa saliva al 44%) ma cresce in 10 regioni, superando il 20% in 7: Abruzzo (21%), Calabria (34%), Umbria (33%), Basilicata (29%), Sicilia (26%), Marche (23%), Puglia (22%). L’occupazione delle terapie intensive, invece, è stabile al 5% (un anno fa cresceva al 41%), ma raggiunge il 10% in Calabria e l’11% in Sardegna. Lo dicono i dati dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) aggiornati a ieri.

Fiaso: risalgono i ricoveri pediatrici del 23%

Risale la curva dei ricoveri pediatrici per Covid nella settimana 22-29 marzo, registrando un aumento del 23%. Emerge dai dati degli ospedali pediatrici e dei reparti di pediatria aderenti alla rete sentinella Fiaso. Nella rilevazione del 22 marzo la curva era scesa del 6%, mentre nel report del 15 marzo era cresciuta del 48%. Il dato “continuamente altalenante registrato nel corso delle settimane in pediatria – precisa Fiaso – non consente di fare valutazioni appropriate dei trend”. Da 15 giorni nei reparti Covid degli ospedali pediatrici sono presenti anche piccoli pazienti di origine ucraina.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source