Covid, l’Rt scende ancora e arriva allo 0,97, ma le Regioni con rischio in aumento passano da 10 a 17

Pubblicità
Pubblicità

L’Rt scende ancora in Italia e arriva sotto la soglia dell’1, quella considerata di sicurezza in cui il numero dei casi dovrebbero calare.  In base ai calcoli della cabina di regia l’indice di trasmissibilità del coronavirus è infatti allo 0,97, contro l’1,01 della settimana precedente. Una tendenza che si conferma ormai da un mese. 

Contagi giù ma raddoppiano i decessi, il nuovo allarme per la variante Delta

L’unica Regione che resta in giallo è la Sicilia, entrata in questa fascia a partire dal 30 agosto con l’obbligo di indossare le mascherine anche all’aperto e di limitare a quattro il numero di ospiti al tavolo in bar e ristoranti. Tutto il resto della Penisola si conferma invece bianca. La Sardegna, che era la Regione considerata più a rischio, è di nuovo “salva”. 

Le Regioni con rischio in aumento passano da 10 a 17

Sono 17 le Regioni e Province autonome classificate, questa settimana, a rischio moderato, secondo i dati della bozza del Monitoraggio settimanale. Sette in più rispetto alla scorsa settimana quando erano dieci 10. Le altre quattro Regioni sono classificate a rischio basso. Sette Regioni e Province autonome riportano allerte di resilienza. Spicca il caso della Sicilia, dove i nuovi casi di Covid-19 segnalati in settimana sono in crescita e pari a 9.771. Casi in crescita, nel trend settimanale, anche in Veneto dove sono 4.217.

Guardano ai numeri l’incidenza settimanale a livello nazionale dei casi è pari a 74 per 100.000 abitanti (per il periodo che va dal 27 agosto al 2 settembre) rispetto al valore di 77 per 100.000 abitanti del periodo 20-26 agosto e riportandosi sui valori registrati a metà agosto. L’incidenza rimane al di sopra della soglia settimanale di 50 casi ogni 100.000 abitanti che potrebbe consentire il controllo della trasmissione del virus basato sul contenimento ovvero sull’identificazione dei casi e sul tracciamento dei loro contatti.

Palù: ” Il tempo di incubazione del Covid si è ridotto a due giorni, terza dose necessaria”

Dove salgono i parametri

La Sicilia registra dunque ancora indicatori decisionali sopra la soglia: 22,5% in area medica di pazienti Covid (contro la soglia del 15%) e 13,9% in terapia intensiva (contro la soglia del 10%), ma scende l’incidenza di casi per 100mila abitanti: 190,4 contro 200,7 della scorsa settimana. La Sardegna è invece al limite del 15% per l’area medica e intensive con il 13,2% e se i suoi valori sono in salita l’incidenza è invece in discesa (117,4 contro 148,5). Mentre la Calabria con il 16,8% in area medica e sotto limite per intensive (8,9%), è in crescita. Toscana, Umbria e Valle d’Aosta sono al contrario Regioni a rischio basso. La Sardegna, che presenta alti indicatori ospedalieri (15% per l’area medica e intensive sopra il limite con il 13,2%), vede invece i nuovi casi Covid segnalati in settimana con trend in discesa (totale 1483), anche se i focolai sono in aumento.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source