Covid, morta la bambina di due anni trasferita d’urgenza a Roma

Pubblicità
Pubblicità

Non ce l’ha fatta Ginevra, la bambina di 2 anni ricoverata all’ospedale Bambino Gesù di Roma dove era arrivata sabato pomeriggio in elisoccorso, dall’ospedale Pugliese Ciaccio di Catanzaro nel disperato tentativo di salvarla.

Bambino Gesù, baby ricoverati per Covid quadruplicati in un mese: “È la tempesta perfetta”

La piccola, originaria di Mesoraca, in provincia di Crotone, è deceduta nella notte in seguito dell’aggravarsi delle sue condizioni di salute per il Covid-19. Alcuni giorni fa, quando il suo quadro clinico destava già molte preoccupazioni, la bimba, che presentava febbre alta e problemi respiratori, era stata portata dai familiari in ospedale a Crotone, per poi essere trasferita nella struttura  più attrezzata di Catanzaro.

Covid, bambina di due anni gravissima trasferita d’urgenza a Roma con aereo dell’Aeronautica

Ieri, però, in seguito ad un ulteriore peggioramento delle sue condizioni, un C-130j dell’Aeronautica militare l’ha immediatamente trasferita all’aeroporto di Ciampino.

Era stata la prefettura di Catanzaro a richiedere il trasporto aereo d’urgenza. A seguito di un coordinamento con la ‘Italian patient evacuation coordination cell (Itapecc)’ del comando operativo di vertice interforze (covi), che fornisce consulenza sulla trasportabilità dei pazienti in questo genere di missioni, la sala situazioni del comando della squadra aerea aveva dato l’ordine di decollo ad uno degli equipaggi dell’Aeronautica militare.

Il tentativo estremo di salvarle la vita si è purtroppo rivelato vano. Questa notte le sue condizioni si sono aggravate e la bambina è deceduta. Numerosi i messaggi sui social per la scomparsa della piccola.
In uno dei commenti su Facebook si legge: “È un giorno triste, drammatico quello di oggi per la famiglia della piccola Ginevra e per l’intera comunità di Mesoraca. Due anni e tutta una vita davanti, due anni e l’allegria, l’innocenza di due occhioni che si sono chiusi per sempre. Possa il signore dare conforto ai genitori Rossella e Giuseppe”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source