Covid, Rt stabile a 1,23. Sale l’incidenza da 98 a 125. Vietato l’ingresso in Italia per chi arriva dal Sudafrica e altri sei Paesi

Pubblicità
Pubblicità

Sale, anche se di poco, l’incide Rt in Italia che tocca l’1,23 contro l’1,21 della settimana scorsa (e di quella precedente), mentre rimane netta la crescita dell’incidenza che da 98 casi per centomila abitanti ora è a 125. Lo rileva il monitoraggio settimanale della Cabina di regia, riportato dall’Iss, l’Istituto superiore di sanità.

“L’incidenza settimanale a livello nazionale continua ad aumentare”, sottolinea difati l’Istituto Superiore di Sanità facendo notare come è 125 per 100mila abitanti  – dati riferiti alla settimana che va dal 19 novembre al 25 – contro i 98 per 100mila abitanti registrari nella settimana compresa tra il 12 e il 18.

Nel periodo compreso dal 3 novembre al 16, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,23 (range 1,15 – 1,30), stabile rispetto alla settimana precedente e al di sopra della soglia epidemica. Ma è in in leggero aumento e sopra la soglia epidemica l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero.

In crescita anche l’occupazione dei reparti ospedalieri per i casi di Covid-19. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è al 6,2% (rilevazione giornaliera del ministero della Salute al 25 novembre) contro il 5,3% (rilevazione giornaliera e al 18/11). Mentre il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale all’8,1% (rilevazione al 25 novembre) contro il 7,1% al 18/10.

Nel frattempo l’italia vieta l’ingresso a chi è stato in Sudafrica e in altri sei Paesi. Come spiega il ministro della Salute Roberto Speranza: “Ho appena firmato una nuova ordinanza che vieta l’ingresso in Italia a chi negli ultimi 14 giorni è stato in Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini”. Aggiungendo: “I nostri scienziati sono al lavoro per studiare la nuova variante B.1.1.529. Nel frattempo seguiamo la strada della massima precauzione”-

Vaccini, calano gli indecisi

Sul fronte vaccini, al contrario, il numero delle prime dosi somministrate in un giorno (25.607) torna ad essere maggiore rispetto alle inoculazioni effettuate per il secondo shot (25.503). Il dato, riferito a ieri e aggiornato alle 7 di questa mattina, non si verificava da diverse settimane e arriva a due giorni dall’annuncio dell’introduzione del super- Green Pass da parte del Governo. Record anche sulle terze dosi, con cifre di somministrazione mai registrate prima: nelle ultime 24 ore ne sono state inoculate 269.244.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source