Covid, via libera dell’Aifa alla dose ‘booster’ Johnson & Johnson dopo sei mesi con vaccino mRna

Pubblicità
Pubblicità

La Commissione tecnico scientifica (Cts) dell’Aifa, riunita da questa mattina, ha dato un parere favorevole alla dose ‘booster’ con un vaccino a mRna a partire da 6 mesi dalla prima dose con il vaccino Johnson & Johnson. Nel pomeriggio è arrivato il via libera dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa). Sono quasi un milione e mezzo gli italiani vaccinati con J&J. Il richiamo andrà fatto dopo sei mesi dalla somministrazione, con un vaccino a mRna, ossia Pfizer o Moderna.

La Commissione tecnico scientifica ha rilevato che i dati disponibili per il vaccino anti-Covid J&J indicano una “sostanziale stabilità della risposta immunitaria, sia umorale che cellulare, fino a 8 mesi dalla somministrazione di una dose di vaccino Janssen. Anche la protezione nei confronti di malattia grave, ospedalizzazione o morte risulta sostanzialmente stabile fino ad almeno 6 mesi dalla vaccinazione. Allo stesso tempo, tuttavia, con il passare dei mesi si osserva un lento declino dell’efficacia vaccinale nei confronti delle forme lievi/moderate di malattia”.

Inoltre Nicola Magrini, direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco, ha detto al “Tg1” che l’Aifa “oggi ha anche ragionato sull’aprire alla possibilità di una dose booster per i vaccinati con altri vaccini come Sinovac e Sputnik: questi vaccini avranno questa possibilità. Tale decisione  – ha aggiunto – credo che faciliterà l’acquisizione del Green Pass”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source