Crotone Spezia 4 1 Messias scatenato prima vittoria per i calabresi

Crotone-Spezia 4-1: Messias scatenato, prima vittoria per i calabresi

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

CROTONE – Prima vittoria in campionato per il Crotone che finalmente spezza un tabù e si impone 4-1 nello scontro diretto per la salvezza contro lo Spezia. Messias apre le danze nel primo tempo, ma poi i padroni di casa regalano il pari a Farias e soffrono. Nella ripresa i calabresi prendono campo e colpiscono due volte con Reca ed Eduardo Henrique. Per lo Spezia è una mazzata e gli uomini di Italiano non riescono più a reagire. In pieno recupero la doppietta personale di Messias che porta il Crotone a quota 5 in classifica. Liguri fermi a 10.
Apre Messias in contropiede
Il match si apre con il commovente minuto di recupero in memoria di Paolo Rossi; le squadre giocano anche col lutto al braccio. Stroppa schiera in attacco Messias e Simy mentre il centrocampo è inedito con Eduardo Henrique, Molina e Zanellato. Italiano risponde col tridente offensivo composto da Farias, Piccoli e Agudelo. In mezzo al campo si rivede dal 1′ Pobega. Inizio di match complicato per gli ospiti che prendono subito un giallo con Chabot e dopo 7′ vanno sotto: Agudelo attacca a sinistra, crossa ma la difesa mette fuori. Quindi Molina innesca la corsa in contropiede di Messias, Terzi non lo tiene e l’attaccante realizza sul secondo palo con un preciso sinistro.
<<La cronaca della gara>>
Il Crotone regala il pari a Farias
Lo Spezia incassa e decide di reagire come sa, giocando molto alto e costantemente nella metà campo avversaria. Farias imbuca in area per Pobega che però calcia sull’esterno della rete da posizione comunque complicata. Il pareggio arriva al 18′ e nel modo più inatteso quando il Crotone, da rimessa dal fondo, tenta come sempre di uscire palla al piede, ma un passaggio sbagliato regala una sfera d’oro a Farias che non si fa pregare e dal limite col destro non perdona firmando l’1-1. Lo Spezia insiste e poco dopo Agudelo serve in area Piccoli che si libera con una magia di due avversari, ma Cordaz salva chiudendogli lo specchio della porta. Il Crotone vive di fiammate in contropiede e nel finale del tempo Reca serve il solito Messias ma stavolta Chabot lo ferma in area.
Reca ed Henrique mandano ko lo Spezia
A inizio ripresa, Italiano toglie l’ammonito Ferrer e inserisce Sala. Il Crotone fa capire subito che saranno 45′ diversi rispetto al primo tempo e Messias impegna subito Provedel. Al 49′ il 2-1: lancio lungo per Reca che in area finta e il neo entrato Sala abbocca e va giù , quindi l’esterno ex Atalanta col destro insacca. Una manciata di minuti dopo il colpo del ko: gran palla di Messias a destra per Pereira che mette al centro ed Eduardo Henrique deve solo spingere in porta il pallone per il suo primo gol in A.
Messias firma il poker
Italiano è una furia e fa entrare Gyasi e Maggiore al posto di Agudelo e Pobega. Ma lo Spezia è ormai spento, mentre il Crotone vive sulle ali dell’entusiasmo e Molina sfiora il poker, decisivo Provedel. Estevez invece in spaccata calcia centrale per un facile intervento di Cordaz. Verso la fine Messias si inventa un favoloso gol con lo scavetto ma c’è offside. Il brasiliano si rifà ampiamento firmando la doppietta personale in pieno recupero quando si inserisce su un controllo di Simy, dribbla il portiere e appoggia in rete il 4-1 definitivo.
Crotone-Spezia 4-1 (1-1)Crotone (3-5-2): Cordaz; Magallan (28’st Cuomo), Marrone, Luperto; Pereira, Molina, Zanellato (44’st Riviere), Eduardo (38’st Vulic), Reca; Messias, Simy. In panchina: Crespi, Festa, Golemic, Djidji, Crociata, Rojas, Siligardi, Dragus. Allenatore: StroppaSpezia (4-3-3): Provedel; Ferrer (1’st Sala), Terzi, Chabot, Bastoni (38’st Marchizza); Estevez, Ricci, Pobega (13’st Gyasi); Agudelo (13’st Maggiore), Piccoli, Farias (38’st Verde). In panchina: Krapikas, Erlic, Bartolomei, Acampora, Mora, Deiola, Agoumè. Allenatore: ItalianoArbitro: Giua di Olbia

Reti: 7’pt Messias, 18’pt Farias; 4’st Reca, 11’st Eduardo, 51’st MessiasAmmoniti: Chabot, Salva Ferrer, Messias, Eduardo, Maggiore, MagallanAngoli: 1-4Recupero: 0′; 6′.



Go to Source