“Da noi zero contagi”, la corsa delle regioni per non perdere la stagione turistica

La Republica News

LA CORSA contro il tempo l’hanno già vinta in nove: hanno tagliato il traguardo dello “Zero contagi” e possono dedicarsi al duplice obiettivo di conservare il successo e preparare l’estate turistica. Mica poco, dopo due mesi e mezzo di tragedie, incertezza ed economia a picco. Ieri sono state le Marche a festeggiare, ed è un risultato incredibile non solo perché era una delle regioni più inguaiate d’Italia ed è uscita dal Covid prima di tante altre; ma anche perché sancisce la cantonata abissale presa dall’Osservatorio nazionale sulla salute delle Regioni diretto da Walter Ricciardi: il 17 aprile aveva previsto per le Marche il 27 giugno come data di attracco al mondo dello “zero contagi”. Sarebbe stata cioé penultima, un solo giorno prima della Lombardia; poi, di fronte alla reazione allibita del governatore Luca Ceriscioli che parlava apertamente di “errore inspiegabile” contrapponendo le stime dell’Osservatorio regionale secondo cui il traguardo sarebbe stato varcato nell’ultima settimana di maggio, gli esperti nazionali del professor Ricciardi corressero la mira anticipando di… 4 giorni: “23 giugno”.repIntervista

Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi