Da rider a modella Myss Keta spingiamoci oltre i nostri limiti

Da rider a modella, Myss Keta: spingiamoci oltre i nostri limiti

Libero Quotidiano News
Pubblicità

12 novembre 2020
Condividi:

Roma, 12 nov. (askanews) – Da rider arrabbiata in “Rider bitch” a modella oggetto di ossessione in “Photoshock”, i mondi interiori senza limiti di Myss Keta trovano spazio nel nuovo Ep “Il cielo non è un limite”, fuori il 13 novembre solo in digitale (Island Records/Universal Music Italia), proprio mentre imperversano le restrizioni anti-Covid.
“Appunto perché nel mondo attuale di limitazioni ce ne sono molte, dobbiamo ricordarci che il Cielo non è un limite, quindi non solo il cielo che vediamo fuori di noi, ma anche e soprattutto il cielo e lo spazio interiore, quello non ha limiti e lo dobbiamo ricordare”, ha detto Myss Keta in un’intervista esclusiva ad Askanews.
“Per andare dove? Sicuramente oltre ai propri limiti, quello che appare come un limite, quelle imposizioni che sembrano arrivare dalla società, dall’esterno, in realtà devono essere trampolini di lancio per andare oltre i nostri limiti”, ha aggiunto.
Anticipato dai singoli “Giovanna Hardcore”, personaggio estatico ed eretico e da “Due”, un delirio electropop, “Il cielo non è un limite” contiene 7 tracce prodotte da RIVA, con interventi di soli “congiunti”, artisti vicini a Myss, come Populous e Unusual Magic, un featuring di Priestess e un cameo di Lilly Meraviglia. La Regina della notte milanese rivela molti suoi “doppelgaenger”, tanti alter-ego, tutte donne forti e peccaminose:
“Trovo ispirazione prima di tutto da me stessa, in secondo luogo dalle persone che mi circondano, in terzo luogo, in particolare per questo ep da Grace Jones”, ha rivelato.
Libera, forte, indomata. Sulla copertina Myss Keta diventa una navetta ultrasonica d’acciaio. Myss Keta è una mistress felina che canta in tedesco in “Gmbh” o una moderna “Diana” che canta in greco antico. La mascherina che oggi usa tutto il mondo, come le ha fatto notare il New York Times in un’intervista, resta la sua arma per esplorare l’interiorità, per ripartire da noi stessi, in tempi bui, in un mondo compromesso dalla “saturazione post-capitalista”. Il suo consiglio ai giovani.
“La notte come l’interiorità e la ricerca, sono ricerche che possiamo fare anche interiormente e anche nei momenti più bui, anzi. Il messaggio che vi posso lanciare è affidiamoci tanto al nostro cuore, all’arte, alla cultura, per cercare di superare questi momenti bui che possiamo vivere dentro di noi”, ha affermato Myss.
La tracklist de “Il cielo non è un limite”.
1. IL CIELO NON È UN LIMITE – PROD. RIVA
2. GIOVANNA HARDCORE – PROD. RIVA
3. GMBH – PROD. RIVA
4. RIDER BITCH – PROD. RIVA, UNUSUAL MAGIC – CAMEO: LILLY MERAVIGLIA
5. PHOTOSHOCK – PROD. RIVA
6. DIANA FEAT. PRIESTESS – PROD. POPULOUS
7. DUE – PROD. RIVA – SAMPLE: TWO TIMES, ANN LEE



Go to Source