190011112 9e789165 81db 42bb a3ad d1cdd3349815

Ddl Zan, ecco cosa ha detto Fedez sul palco del concertone  

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

190011112 9e789165 81db 42bb a3ad d1cdd3349815

“Due parole per l’uomo del momento, il ‘sonnecchiante’ Ostellari. Ha deciso che un disegno di legge di iniziativa parlamentare, quindi massima espressione del popolo, che è stato già approvato alla Camera come il ddl Zan, può essere tranquillamente bloccato dalla voglia di protagonismo di un singolo, cioè se stesso”. Lo dice il cantautore Fedez, dal palco del Concertone del primo maggio, nel suo intervento che già si preannunciava diretto alla Lega e al presidente della commissione Giustizia del Senato, Andrea Ostellari. “D’altronde, Ostellari fa parte di uno schieramento politico che negli anni si è distinto per la sua grande lotta alle diseguaglianze”, aggiunge ironicamente Fedez, elencando alcune delle frasi che esponenti del Carroccio hanno pubblicamente espresso in questi anni sul tema dell’omotransfobia, in alcuni casi anche chiedendo scusa. L’artista ricorda frasi come “se avessi un figlio gay lo brucerei nel forno”, “gay vittime di aberrazioni della natura”, “i gay sono una sciagura per la riproduzione” o “il matrimonio gay porta l’estinzione della razza”.



Go to Source