De Aliprandini, il sogno olimpico dura una manche. L’oro del gigante va a Odermatt

Pubblicità
Pubblicità

Il sogno olimpico di Luca De Aliprandini dura una manche. Il trentino di Cles, 31 anni, inforca, perde lo sci e cade alle prime porte della seconda manche del gigante sulla Ice River di Yanqing. Nella prima run, tra la foschia e la neve che cade ininterrottamente senza che ci siano abbstanza mezzi e persone a sistemare la pista, il vicecampione del mondo a Cortina, aveva chiuso 6° a 49 centesimi dal leader, lo svizzero Marco Odermatt, che vince: urlo liberatorio del fenomeno rossocrociato che a 24 anni sta dominando in coppa (guida la classifica generale davanti a Kilde e quella di specialità di gigante con 5 giganti vinti su 6).

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

1€ al mese per 3 mesi anziché 9,99 €

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

3,50€ a settimana prezzo bloccato

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source